Creval in difficoltà su emissione bond subordinati

A settembre scadono obbligazioni LT2 per 125 milioni. Il Creval fatica a emettere nuovi bond. Pesa il contesto negativo sui subordinati bancari

di , pubblicato il
A settembre scadono obbligazioni LT2 per 125 milioni. Il Creval fatica a emettere nuovi bond. Pesa il contesto negativo sui subordinati bancari

Il Credito Valtellinese fatica ad emettere bond subordinati. Il Creval, una della banche popolari che per prima ha varato la trasformazione in s.p.a. anticipando i tempi dettati dalla legge, ha bisogno di rifinanziare debiti in scadenza.

A settembre vanno infatti a rimborso obbligazioni Lower Tier II con cedola a tasso fisso del 5,25% emesse nel 2012 per 125 milioni di euro (Isin IT0004847957) e il Creval sta cercando il modo di rifinanziarle, preferibilmente a tassi più bassi, in linea con quanto offerto oggi dal mercato dei capitali.

Creval tenta di emettere bond subordinati

Un’operazione apparentemente normale che rientra nell’ordinaria attività di funding di un istituto di credito, ma che appare impresa titanica visto che il mercato, in questo momento, non sta vedendo di buon occhio la categoria dei bond subordinati bancari. I casi dei bond subordinati di Banca Mps, Popolare Vicenza, Veneto Banca e Carige non sono certo di buon auspicio per chi, come il Creval, deve rifinanziarsi sul mercato dei capitali. A ostacolare il collocamento, inizialmente studiato per investitori retail e poi indirizzato verso istituzionali, sono poi i numeri del preconsuntivo 2016 del Creval 2016, resi noti la scorsa settimana e che vedono la banca valtellinese chiudere l’esercizio in perdita di 333 milioni di euro, risultato condizionato da rettifiche di valore, fra cui il deterioramento di pare dei crediti (Npl) che ammontano a 3,2 miliardi di euro. Difficoltà che erano già emerse lo scorso autunno quando il Creval cercò, senza successo, di strutturare un’emissione di bond subordinati a condizioni più favorevoli rispetto all’obbligazione in scadenza a settembre 2017.

Fitch ritira rating per bond Lower Tier II Creval

Così, ieri, l’agenzia Fitch ha ritirato il giudizio di rating sul bond subordinato Tier2 denominato in euro allo studio del Credito Valtellinese. L’istituto lombardo nei giorni scorsi aveva dato mandato a un gruppo di banche di organizzare un roadshow finalizzato al lancio dello strumento.  L’agenzia americana aveva assegnato un rating atteso pari a BB-. Fitch ha motivato i ritiro scrivendo che “non è più prevista nel breve termine la conclusione dell’emissione”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,