Codere torna ad emettere bond per 500 milioni dopo il default

La società spagnola delle scommesse ha collocato tramite Codere Finance un bond ad alto rendimento (XS151376592) di durata cinque anni

di Mirco Galbusera, pubblicato il
La società spagnola delle scommesse ha collocato tramite Codere Finance un bond ad alto rendimento (XS151376592) di durata cinque anni

Codere torna sul mercato dei capitali con un bond in euro ad alto rendimento. Dopo il default del 2013, la multinazionale spagnola delle scommesse e video slot è tornata a raccogliere soldi freschi fra gli investitori, come se nulla fosse accaduto. C’è da fidarsi?

Codere è la seconda grande industria spagnola delle scommesse, dietro a Cirsa, quotata alla borsa valori di Madrid e con un giro d’affari da 1,6 miliardi di euro provenienti per oltre il 70% dall’America Latina. Due anni fa, Codere finì in default sui pagamenti di due linee obbligazionarie e dovette fronteggiare una dura trattativa coi creditori e i fondi d’investimento per ristrutturare il proprio debito davanti al tribunale fallimentare per evitare la bancarotta.

Obbligazioni Codere Finance2 6,75% 2021

Ora, a distanza di due anni dal crac, Codere è tornata a fare utili nei mercati di riferimento e ha lanciato un nuovo prestito obbligazionario da 500 milioni di euro. Il bond, Codere Finance 2 Luxembourg ha una durata di cinque anni, matura nel novembre 2021 ed è garantito. Sottoscritto da investitori istituzionali, è in negoziazione sulla borsa di Dublino per importi minimi di 100.000 euro con multipli aggiuntivi di 1.000. L’obbligazione senior secured Codere (codice ISIN XS151376592) corrisponde una cedola del 6,75% con date di pagamento semestrale: il 1 maggio e 1 novembre di ogni anno. L’obbligazione sarà rimborsata in unica soluzione a scadenza, ma l’emittente potrebbe richiamarla prima (call redemption), a partire dal 1 novembre 2018 al prezzo di 103,375. Il rating assegnato al bond Codere è speculativo: B per Standard & Poor’s e B2 per Moody’s con out look stabile. Scopo del funding – recita una nota – è quello di estinguere finanziamenti in scadenza.

Codere, fatturato in crescita del 18%

I ricavi operativi di Codere lo scorso anno sono aumentati  del 18%, fino a raggiungere i 1.640 milioni di euro, principalmente per gli incrementi registrati in Argentina, Italia e Panama, grazie alla rivalutazione del peso argentino e del dollaro rispetto all’euro, cosi come per l’aumento del volume di gioco gestito all’interno delle sale in moneta locale nella maggior parte dei mercati. L’Ebitda normalizzato del quarto trimestre 2015 ha raggiunto i 70 milioni di euro, superando la guidance prevista di 60-63 milioni, dovuto al buon andamento dei ricavi nei mercati chiave e all’incremento nella marginalità derivato dalle misure di efficienza realizzate negli ultimi trimestri.

Ebitda Codere a quota 280 milioni di euro

Nel corso dell’anno, la crescita dell’Ebitda di Codere normalizzato ha consentito il raggiungimento dei 280 milioni di euro, un incremento del 31% rispetto ai 213 milioni dell’anno precedente. Il margine di Ebitda normalizzato del 2015 è stato del 17,1%, superiore a quello registrato nel 2014 del 15,4%. Come conseguenza di questi miglioramenti il Risultato Operativo ha raggiunto i 124 milioni di euro nell’accumulato dell’anno, rispetto ai 21 milioni del 2014. Gli oneri finanziari sono cresciuti fino ai 135 milioni di euro, un incremento del 2% rispetto all’esercizio 2014, dovuto principalmente all’incremento dei costi associati alla Linea di Credito Senior, includendo interessi di mora, e all’apprezzamento del dollaro rispetto all’euro. Il Gruppo ha registrato una perdita di 39 milioni di euro nel trimestre, mentre nell’esercizio registra un risultato negativo di 113 milioni di euro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni High Yield