CNH Industrial lancia altri bond per 500 milioni di euro

Le obbligazioni CNH Industrial hanno scadenza 2023 e offrono un rendimento vicino al 3%

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le obbligazioni CNH Industrial hanno scadenza 2023 e offrono un rendimento vicino al 3%

CNH torna ad emettere bond. A soli due mesi di distanza dal collocamento di una obbligazione in dollari (Usd), CNH industrial ha lanciato un altro bond. Questa volta si tratta di una emissione da 500 milioni di euro a sette anni. Il collocamento è gestito da Banca Imi, Barclays, Bnp Paribas, Commerzbank, Santander e UniCredit presso investitori istituzionali che hanno proposto- secondo le prime indiscrezioni – offerte superiori a 2 volte l’ammontare. Una prima indicazione di rendimento compresa tra il 3% e il 3,1%. Il pricing del bond, che dovrebbe avere scadenza maggio 2023, è atteso in giornata. L’obbligazione sarà quindi quotata presso la borsa irlandese e negoziabile per importi minimi di 100.000 euro. L’emittente ha rating Ba2 per Moody’s e BB+ per S&P.

CNH Industrial, utile netto in calo e debito in aumento nel primo trimestre

 

Cnh Industrial ha registrato nel primo trimestre un utile netto adjusted di 1 milione di dollari, in calo rispetto ai 33 milioni del pari periodo dell’anno scorso. I ricavi, si legge in una nota, sono invece calati del 9,9% (-5,7% a cambi costanti) a 5,372 miliardi. I risultato netto e’ passato da un utile di 23 milioni ad una perdita di 513 milioni di dollari (-0,38 dollari per azione) a causa dell’onere straordinario non deducibile fiscalmente di 502 milioni di dollari relativo all’indagine condotta sulla controllata Iveco e sui suoi concorrenti dalla Commissione Europea in relazione a presunte condotte anti-competitive. L’indebitamento netto industriale, pari a 2,5 miliardi al 31 marzo 2016, è stato superiore di 0,9 miliardi rispetto al 31 dicembre 2015, inclusivo di un impatto negativo delle differenze cambio di conversione pari a 0,2 miliardi di dollari. Il cash flow industriale netto ha assorbito cassa per 0,6 miliardi con un miglioramento di 0,4 miliardi rispetto al pari periodo dell’anno scorso. La liquidità disponibile al 31 marzo 2016 è aumentata di 1 miliardo a 8,2 miliardi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni CNH Industrial

I commenti sono chiusi.