Cina verso prima emissione bond in usd dal 2004

La Cina si appresta a lanciare obbligazioni sul mercato internazionale dopo 13 anni di astinenza

di Mirco Galbusera, pubblicato il
La Cina si appresta a lanciare obbligazioni sul mercato internazionale dopo 13 anni di astinenza

La Cina intende emettere 2 miliardi di bond in dollari, per la prima volta da oltre 10 anni. Nel dettaglio il Ministero delle Finanze di Pechino vuole collocare due tranche di titoli a cinque e dieci anni a Hong Kong nei prossimi giorni.

 

I rendimenti delle obbligazioni cinesi sono scesi su minimi pluriennali. Se il Paese riuscirà a raccogliere denaro sui mercati internazionali con tassi di interesse molto bassi, sarà un segnale di fiducia da parte degli investitori dopo i downgrade da parte delle agenzie di rating quest’anno.

 

Lo scorso mese Standard & Poor’s, dopo il declassamento di Moody’s a maggio, ha abbassato la raccomandazione della Cina di un notch ad A+, puntando il dito contro l’aumento dei rischi economici e finanziari di Pechino. La decisione di S&P è stata duramente criticata dal Ministero delle Finanze del Paese asiatico.

 

La Cina ha emesso bond per l’ultima volta nel 2004. Il collocamento dei prossimi giorni, visto il basso ammontare, dovrebbe essere puramente simbolico e rispondere all’esigenza di internazionalizzazione dello yuan, ma potrebbe essere anche utile come riferimento, soprattutto in termini di rendimenti, per altri Paesi che vorranno seguire l’esempio di Pechino. Gli addetti ai lavori si aspettano una solida domanda, sia interna che a livello internazionale, da parte degli investitori per i titoli di Stati cinesi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bond CIna