CAV colloca bond per 830 milioni di euro

Le obbligazioni CAV Concessioni Autostrade Venete (XS1387812677) offrono una cedola del 2,12% fino al 2030

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le obbligazioni CAV Concessioni Autostrade Venete (XS1387812677) offrono una cedola del 2,12% fino al 2030

CAV Concessioni Autostrade Venete sbarca sul mercato dei capitali con un bond da 830 milioni. Come anticipato lo scorso mese di febbraio, CAV ha offerto obbligazioni senior a investitori istituzionali adempiendo alla strutturazione di un project bond a cui ha partecipato anche la Banca Europea degli Investimenti come garante per il 20% dell’ammontare. Le richieste hanno superato i 1.800 milioni e circa la metà del bond CAV è stato sottoscritto dal gruppo assicurativo tedesco Allianz. Più nel dettaglio, le obbligazioni CAV sono state emesse alla pari e offrono una cedola a tasso fisso del 2,115% fino al 2030 (codice ISIN XS1387812677). Le obbligazioni CAV sono negoziabili per importi minimi di 100.000 euro con multipli aggiuntivi di 1.000 sulla borsa del Lussemburgo e godono di raying “investment grade” A3 secondo Moody’s.  Il rimborso avverrà in maniera ammortizzata. Le risorse finanziarie raccolte – spiega una nota – permetteranno di rimborsare integralmente – in adempimento all’obbligo previsto nella concessione autostradale – il costo del Passante di Mestre il cui importo era stato a suo tempo anticipato da Anas. Il collocamento è stato gestito da Banca IMI, BNP Paribas, RBS, Societe Generale e UniCredit Group.    

Obbligazioni CAV, prima operazione di Project Bond in Italia

    “Si tratta di una importante conferma – commenta Luisa Serato, presidente CAV – della solidità economica e strategica della nostra concessionaria autostradale. Una solidità che prelude al cruciale appuntamento con il closing dell’operazione. La classificazione di Moody’s posiziona CAV fra le società per azioni più sane e in crescita in Italia”. “Si tratta della prima operazione in Italia di Project Bond con la partecipazione della BEI – dichiara, esprimendo soddisfazione, il presidente dell’Anas, Gianni Vittorio Armani -, nell’ambito dell’European Investment Bank’s Project Bond Initiative promossa dalla Commissione Europea. Rappresenta una operazione di successo per il sistema Paese dimostrando la capacità di attrarre capitali privati internazionali in favore di importanti opere pubbliche quali il Passante Autostradale di Mestre e può far da apripista per analoghe operazioni di finanziamento delle opere infrastrutturali. Il livello di rating ottenuto, migliore di quello della Repubblica italiana, testimonia il valore dell’investimento fatto a suo tempo da Anas nel potenziamento delle infrastrutture logistiche del Paese”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Ratings

I commenti sono chiusi.