'Catalogna pesa su Bonos, rendimenti in rialzo-

Catalogna pesa su Bonos, rendimenti in rialzo

Il voto in Catalogna pesa sui rendimenti dei bond spagnoli che arretrano visibilmente. La crisi istituzionale potrebbe pesare sui mercati

di , pubblicato il
Il voto in Catalogna pesa sui rendimenti dei bond spagnoli che arretrano visibilmente. La crisi istituzionale potrebbe pesare sui mercati

La crisi in Catalogna si è aggravata. Non ci sono segnali di panico sui mercati ma gli effetti si vedono sui Bonos, che stanno sottoperformando gli altri bond dell’Eurozona, con il rendimento del decennale spagnolo in rialzo di 7,4 punti base all’1,69%.

 

Si aggrava la crisi sul referendum per l’indipendenza in Catalogna“, confermano gli economisti di Intesa Sanpaolo, puntualizzando che si sono verificati scontri tra la polizia e i partecipanti al voto, che hanno causato centinaia di feriti. Il Governo catalano ha dichiarato che avrebbero votato 2,2 milioni di elettori, circa il 42% degli aventi diritto, e che fra questi il 90% avrebbe votato per l’indipendenza.

 

Rendimento Bonos a dieci anni sale a 1,69%

 

L‘intervento del Governo centrale ha reso poco trasparente e non verificabile il processo di voto, condotto per di piú in violazione delle stesse regole fissate per lo stesso dal parlamento catalano. Rajoy ha dichiarato che il referendum era e resta illegale, giustificando l’intervento energico della Guardia Civile con la necessitá di difendere la Costituzione. Il primo ministro ha anche dichiarato che se non avrá il completo appoggio dei partiti (socialisti inclusi), chiamerá le elezioni anticipate.

 

L’esecutivo catalano, malgrado la consultazione non sia stata per nulla condotta secondo adeguate procedure di garanzia e malgrado il “sì” sia stato espresso da appena il 38% degli elettori, intende procedere a tamburo battente per far dichiarare al parlamento l’autonomia. Il parlamento catalano sará convocato in seduta straordinaria nei prossimi giorni per discutere e approvare la dichiarazione di indipendenza, senza alcuna pausa di riflessione e negoziato con il Governo centrale. “Tale atto rischia di portare a una nuova escalation dello scontro”, concludono gli esperti.

 

Gli scenari futuri

Barcellona potrebbe provare a dichiarare la Catalogna una repubblica indipendente una volta che il parlamento locale avrá approvato il voto“, aggiungono gli strategist di Unicredit, evidenziando tuttavia che in tal caso “probabilmente Madrid interverrá invocando l’articolo 155 della Costituzione per rimuovere il Governo locale“. Nonostante questo, gli esperti sostengono che, “dal momento che la popolazione catalana è profondamente divisa sull’argomento“, le due parti “avvieranno probabilmente negoziati per emendare la Costituzione, in modo da evitare che la crisi degeneri“.

Argomenti: