'Bund troppo cari, la Germania chiede di uscire dal quantitative easing-

Bund troppo cari, la Germania chiede di uscire dal quantitative easing

Presentata ingiunzione per chiedere alla Bundesbank di interrompere gli acquisti di bond tedeschi diventati troppo cari

di , pubblicato il
Presentata ingiunzione per chiedere alla Bundesbank di interrompere gli acquisti di bond tedeschi diventati troppo cari

Se la Bce va avanti così, nessuno comprerà più titoli di stato tedeschi. I bund sono diventati troppo cari perché la Bce continua a comprarli nell’ambito del programma di acquisto di titoli di stato pubblici e privati dell’eurozona.

 

La quota di bond detenuti dall’Eurotower ha infatti superato quota 1.550 miliardi e, al ritmo di 60 miliardi al mese, di questo passo non resteranno più molti titoli da rastrellare sul mercato. Con l’effetto che i prezzi continuano a gonfiarsi e i rendimenti scendono. Per di più, ieri la Bce ha confermato che, nonostante la timida ripresa economica in Europa, è necessario sostenere ancora il quantiative easing prima di cominciare ad alzare i tassi d’interesse. I bund fino a 7 anni rendono negativamente, mentre il decennale fatica a risalire sopra 0,40% (ma è stato anche in territorio negativo). Troppo poco dicono gli investitori istituzionali.

 

Germania chiede di tirarsi fuori dal Qe

 

Così i tedeschi stanno cominciando a perdere la pazienza. Un professore di diritto di Berlino, Markus Kerber, ha presentato un’ingiunzione con l’obiettivo di interrompere rapidamente il coinvolgimento della Germania negli acquisti obbligazionari da parte della Banca centrale europea, una mossa sorprendente che sottolinea la crescente rabbia tedesca sul programma di Qe della Bce. La richiesta di ingiunzione, inviata alla Corte suprema tedesca, mostra quanto alcuni tedeschi siano intenzionati a battersi per interrompere il programma di stimolo dell’Istituto di Francoforte da 2.300 miliardi di euro, con cui ritengono di sovvenzionare i Governi dell’Europa meridionale e danneggiare i risparmiatori tedeschi, i pensionati e le piccole imprese.

 

La Bundesbank non vuole più acquistare bond tedeschi

 

La mossa riflette le preoccupazioni che la corte costituzionale tedesca non decida sulla legittimità del programma di acquisto di obbligazioni della Bce finché non sa troppo tardi per fermarlo, ha sottolineato Kerber, osservando che le recenti azioni di Francoforte per estendere il programma aumentano i rischi per la Bundesbank e il Governo tedesco.

I tribunali del Paese non possono interrompere direttamente i programmi di stimolo della Bce, ma possono impedire il coinvolgimento della Banca centrale tedesca, che detiene circa un quarto del capitale sociale dell’Istituto di Francoforte. “Vogliamo semplicemente che la Bce evitasse di continuare ad attuare il programma”, ha spiegato Kerber, precisando che “i rischi per la Bundesbank sono insostenibili“. Secondo fonti vicine alla vicenda, la Corte costituzionale ha ricevuto ieri la richiesta, sebbene non sia ancora chiaro quando tempo ci voglia prima che il giudice prenda una decisione in merito.

Argomenti: