Btp: settimana chiave tra aste, rating Fitch e missione Tria in Cina

Questa settimana i Btp dovrebbero rimanere volatili, influenzati anche "dal contesto geopolitico". Spread stabile a 277 bp

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Questa settimana i Btp dovrebbero rimanere volatili, influenzati anche

Lo spread Btp-Bund, dopo i primi scambi, è poco mosso a 277 punti base rispetto alla chiusura di venerdì a 279 pb.

Questa settimana i Btp dovrebbero rimanere volatili, influenzati anche “dal contesto geopolitico“, prevedono gli strategist di Unicredit. L’attenzione degli investitori “dovrebbe essere rivolta alla Turchia e al giudizio di Fitch sul debito italiano, in arrivo venerdì“. Le attese del mercato non sono positive sul giudizio dell’agenzia di rating e sebbene non sia atteso un downgrade da parte della maggioranza degli investitori, un peggioramento dell’outlook a ‘negativo’ è considerata estremamente probabile, come evidenziato dagli analisti di Societe Generale.

Il giorno precedente alla sentenza di Fitch ci sará inoltre un importante test di mercato per i titoli di Stato italiani, con il Mef che metterá in asta i titoli a medio e lungo termine. I dettagli saranno annunciati oggi, ma da Unicredit credono che “i 9 mld di cedole e rimborsi dall’Italia dovrebbero supportare il collocamento“. Gli analisti di Unicredit si attendono che il Mef collochi un massimo di 8,25 mld euro di titoli.

Oggi parte inoltre la missione dei funzionari del Tesoro in Cina, guidata dal ministro Giovanni Tria, dove tra le varie materie all’ordine del giorno, sebbene non ufficialmente, potrebbe esserci anche il debito pubblico italiano. Dopo la “fuga” degli investitori stranieri iniziata a maggio-giugno, infatti, il ministero potrebbe cercare di trovare compratori per i Btp tra i fondi privati e sovrani del Celeste Impero, ad oggi ancora poco rappresentati tra i detentori di Btp.

Sul fronte europeo, il Bund decennale tedesco dovrebbe continuare a scambiare nel range delle ultime sedute, con un rendimento in oscillazione tra 0,3% e 0,4%. “I titoli tedeschi rimarranno bloccati” in questa fascia “dopo che il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dissipato i timori di una Fed piú falco nei prossimi mesi”, commenta lo strategist sui tassi di Commerzbank Rainer Guntermann. Oggi gli scambi dovrebbero rimanere alquanto ridotti, prosegue l’esperto, dato che le sale operative di Londra sono chiuse per Banking Holiday.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

I commenti sono chiusi.