BTp Futura, ecco il possibile impatto del nuovo lockdown sul premio fedeltà

In attesa di conoscere domani le cedole del nuovo BTp Futura, vediamone la convenienza alla luce dei nuovi sviluppi.

di , pubblicato il
Domani conosceremo le cedole del BTp Futura

Domani, il Tesoro comunicherà il numero e l’entità delle cedole crescenti fissate per il nuovo BTp Futura a 8 anni. La durata dell’investimento proposto è minore di 2 anni rispetto al primo bond retail emesso nel luglio scorso. L’obiettivo resta lo stesso: finanziare le spese per sostenere l’economia contro l’emergenza Covid. Il sottinteso del governo è che così si potrà fare a meno dei fondi sanitari del MES, che pur non condizionati comporterebbero probabilmente un effetto stigma ai danni dello stato richiedente.

Rispetto all’annuncio della seconda emissione, c’è una novità. Tutta Italia è sottoposta con gradazioni diverse a nuove restrizioni, che toccano il picco in Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta e Calabria. In Sicilia e Sardegna, regioni “arancioni” in considerazione del rischio sanitario di poco inferiore, le limitazioni sono solo appena meno rigide. Fatto sta che il nuovo lockdown con cui nei fatti l’Italia è stata richiusa a distanza di 5 mesi dalla riapertura avrà conseguenze negative sull’economia.

Il governo aveva stimato nella Nota di aggiornamento al DEF un calo del PIL del 9% quest’anno e un rimbalzo del 6% nel 2021, nonché una crescita del 3,8% nel 2022. Queste previsioni appaiono adesso ottimistiche. Con ogni probabilità, il crollo nel 2020 sarà a doppia cifra e sarà seguito da una ripresa più lenta. Per il BTp Futura, il discorso sulla convenienza dell’investimento si complica. Sappiamo, infatti, che alla scadenza verrà corrisposto un premio fedeltà a coloro che hanno acquistato il bond in fase di collocamento e lo manterranno fino alla data del rimborso.

BTp Futura, ecco come si calcola il premio fedeltà

Calcolo del possibile premio fedeltà

Esso è pari a un minimo dell’1% e un massimo del 3% del capitale investito.

Poiché parliamo di un investimento di 8 anni, l’obbligazionista otterrebbe un rendimento extra tra lo 0,125% e lo 0,375% su base annua. E la percentuale esatta dipenderà dal tasso di crescita media annua dell’economia italiana tra il 2020 e il 2027, sulla base del seguente schema:

  • P.F. = 1% con crescita media PIL < 1;
  • 1 < P.F. <3 con crescita media PIL tra 1% e 3%;
  • P.F. = 3% con crescita media PIL > 3%

 

Data la tendenziale bassa crescita dell’economia italiana negli ultimi decenni e l’ormai altrettanto bassa inflazione cronica, dovremmo supporre che il premio fedeltà alla scadenza sia più prossimo all’1% che non al 3%. Tuttavia, poiché il PIL quest’anno è collassato a causa delle misure anti-Covid e dovrà rimbalzare nei prossimi anni, potremmo confidare in un rendimento extra finanche del 3%. Anzi, più forte sarà stato il crollo di quest’anno, preso a riferimento dal Tesoro per legare il calcolo della crescita media nel periodo 2021-2027, maggiori le probabilità che il premio fedeltà sia alto.

Se immaginiamo che il PIL quest’anno crolli del 10% e che recupererà i livelli nominali perduti entro il 2023 e che tra il 2024 crescerà al ritmo medio del periodo pre-Covid (+0,8%) e con un’inflazione media annua di appena l’1%, otteniamo che la crescita complessiva tra il 2020 e il 2027 sarà stata superiore al 19% e che quella media annua risulterà del 2,75%. Questa sarebbe la percentuale del premio fedeltà, che su base annua corrisponderebbe a un rendimento extra dello 0,34%. Niente male in una fase come questa, in cui la curva sovrana italiana inizia a offrire rendimenti positivi solo dal quinto anno in poi. Ma occhio al rischio di ripresa a L, ossia a uno scenario in cui il PIL tornerà a salire solo dopo molto tempo e a ritmi lenti.

BTp Futura davvero bond adatto per scommettere sulla ripresa dell’economia italiana?

[email protected] 

Argomenti: ,