BTp a 50 anni a -5% dal debutto di aprile, rendimento in fuga

Il BTp 2072, nuovo bond "Matusalemme", ha accusato il colpo e in meno di un mese ha ceduto oltre il 5%.

di , pubblicato il
BTp a 50 anni a -5%

Il nuovo BTp a 50 anni, quello con scadenza 1 marzo 2072 e cedola 2,15% (ISIN: IT0005441883), ha debuttato sul Mercato obbligazionario di Borsa Italiana meno di un mese fa. Era il 12 aprile e il titolo chiudeva la sua prima seduta a una quotazione sostanzialmente alla pari (100,04). Pertanto, allora il suo rendimento lordo coincideva con il tasso d’interesse offerto. A distanza di così breve tempo, lo scenario è di molto mutato. La quotazione di venerdì scorso risultava crollata a 94,75 centesimi, segnando un calo del 5,30%. Per contro, ad essersi impennato è stato il rendimento: 2,38%, una ventina di punti base in più rispetto all’emissione.

Il tonfo del BTp 2072 ha a che fare con il drastico rialzo dei rendimenti nell’Eurozona, accentuato al sud. Lo spread a 10 anni è salito fino a ridosso dei 120 punti base, sempre venerdì scorso. E’ accaduto, infatti, che il mercato stia iniziando a scontare con sempre maggiore convinzione l’uscita graduale della BCE dall’accomodamento monetario estremo di quest’ultimo anno. In tal senso vanno tutte le dichiarazioni e i comunicati ufficiali delle altre principali banche centrali (vedi Banca d’Inghilterra), così come di alcuni membri della stessa Francoforte.

BTp 2072 e fattore PEPP

Il governatore lettone Martins Kazaks ha fatto presente che gli acquisti di bond con il PEPP potrebbero essere rallentati già al board di giugno. Motivo? L’inflazione lievita sempre più in prossimità del target. In Germania, in aprile è salita al 2%. La caduta del BTp 2072 risente, quindi, del cosiddetto “reflation trade”. In sostanza, il mercato si riposiziona per scontare inflazione e rendimenti nominali più alti. A ciò si aggiunge l’aumento del rischio sovrano percepito. Il costo dei “credit default swaps” a 5 anni è salito a 84 punti base, dato massimo da inizio febbraio, cioè prima che nascesse ufficialmente il governo Draghi.

Questo, perché minori acquisti di bond da parte della BCE sono considerati un rischio per la sostenibilità dei debiti sovrani più problematici, italiano in testa. Il BTp 2072 accusa le perdite più degli altri bond italiani, per il semplice fatto di esserne il più longevo e avere debuttato con una cedola molto contenuta sul piano storico. Il precedente bond “Matusalemme”, in scadenza l’1 marzo 2067, emesso nell’ottobre 2016, offre una cedola del 2,80%: 65 punti base in più, a fronte di una durata di 5 anni più corta. Purtuttavia, nello stesso arco temporale segnala uguali perdite in termini percentuali.

[email protected] 

Argomenti: ,