Btp 1 settembre 2036, caratteristiche e commenti

Il Tesoro colloca Btp a 20 anni con rendimento 2,30% (IT0005177909). Gli ordini per il nuovo bond hanno superato i 17 miliardi

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il Tesoro colloca Btp a 20 anni con rendimento 2,30% (IT0005177909). Gli ordini per il nuovo bond hanno superato i 17 miliardi

Il ministero dell’Economia ha raccolto 6,5 miliardi di euro con il nuovo Btp settembre 2036, attraendo una domanda oltre due volte e mezzo l’offerta. Per l’emissione del Btp a 20 anni è stato fissato un prezzo di reoffer pari a 99,368 e una cedola di 2,25%, corrispondenti a un rendimento a scadenza di 2,302% (codice ISIN IT0005177909). Il premio per  il Btp 2036 è di 39 centesimi sul tasso del quindici anni 2032 coupon 1,65%, che intorno a fine seduta di ieri sul secondario cedeva oltre una figura pagando intorno a 1,90%. Per quanto riguarda gli ordini, ammontano a oltre 17 miliardi le domande degli investitori, compresi 1,95 miliardi da parte del sindacato bancario alla guida dell’operazione (Barclays, Citigroup, Credit Agricole, Societe Generale e UniCredit).  L’emissione ha rating pari a quello sovrano dell’Italia – ‘Baa2’ per Moody’s, ‘BBB-‘ per Standard & Poor’s e ‘BBB+’ per Fitch.  

Btp 1 settembre 2036, i commenti degli analisti

  “Si ragionava su un importo di 5/6 miliardi – ha commentato l’analista IG Vincenzo Longo per la Reuters – quindi l’emissione ha superato le aspettative… in termini di rendimento le condizioni finali sono lievemente più favorevoli all’emittente: questo sta a testimoniare che il mercato ha a disposizione un’enorme quantità di liquidità e le occasioni di investimento non sono così frequenti”. La finestra per il collocamento del Btp 2036 è stata scelta accuratamente: l’offerta arriva in una giornata in cui non erano previsti altri collocamenti sul comparto dei governativi della zona euro e in un mese dove abbondano i rimborsi. A indurre il Tesoro a rompere gli indugi è stato anche l’approssimarsi di una serie di eventi, le probabili nuove elezioni in Spagna e il referendum sull’appartenenza del Regno Unito all’Unione europea, che rischiano di vedere un ritorno della volatilità sul mercato.  

I tassi bassi favoriscono l’allungamento delle scadenze

  Secondo calcoli dell’ufficio studi UniCredit, tenendo conto dei 6,5 miliardi del nuovo vent’anni, Via XX Settembre ha superato il 40% dell’obiettivo di raccolta 2016. “Il Tesoro ha fatto ‘front loading’ anche nel 2015: è un tratto della curva su cui la domanda è buona ed è ragionevole cogliere l’opportunità in un’ottica di allungamento della vita media del debito” spiega Luca Cazzulani, senior fixed income strategist. “Si è tenuto finora a precisare che non si tratta di un’alternativa al 15 o al 30 anni… da qui a fine anno potremmo vedere un paio di riaperture, dal momento che c’è l’impegno a garantire al nuovo strumento la liquidità necessaria” aggiunge. Qualche operatore ipotizza un interesse rilevante da parte degli account esteri, come si è visto in occasione degli ultimi collocamenti. Se mai ce ne fosse l’esigenza, il perfezionamento del deal di ieri dà ulteriormente il polso dell’appetito di rendimento che fa spostare gli investitori sul tratto più lungo della curva, soprattutto nel caso di carta ‘semi-core’ come viene considerata quella italiana. Soltanto a febbraio il ministero dell’Economia ha raccolto 9 miliardi a trent’anni: assegnato il 2 febbraio al rendimento di 2,758%, il titolo paga oggi sul secondario poco meno di 2,6% , per quanto in calo di circa 2%.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Btp