Brasile: istituto centrale lascia invariati i tassi al 6,50%

Il Brasile lascia i tassi d'interesse invariati. Stabili i rendimenti dei bond governativi

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il Brasile lascia i tassi d'interesse invariati. Stabili i rendimenti dei bond governativi

Il Banco Central do Brasil (l’istituto centrale di Brasilia) mercoledì ha lasciato invariati a sorpresa i tassi d’interesse al 6,50% dopo dodici riduzioni consecutive. L’ultima di 25 punti base era stata realizzata in marzo e in quell’occasione l’istituto aveva anticipato che verosimilmente ne sarebbe arrivata un’altra nella successiva riunione del Comitê de Política Moneta ria (Copom, la commissione che si occupa di politiche monetarie).

Il dietrofront, che si confronta con attese degli economisti per un ulteriore taglio al 6,25% del Selic (Sistema Especial de Liquidação e de Custódia), è stata motivata da un “outlook globale diventato più provante e che ha evidenziato volatilità”. La tendenza dell’inflazione resta favorevole, ha sottolineato il Banco, e per questo l’attuale livello del Selic è considerato “adeguato” anche per i prossimi meeting. In febbraio, per altro, la Copom aveva anticipato la fine dell’aggressivo programma di allentamento che aveva portato i tassi benchmark al livello più basso dal 1999, quando venne istituito il Selic.

Il rendimento dei titoli di stato decennali in reais brasiliani supera l’8,6%, mentre quelli in dollari della stessa scadenza rendono il 5%

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bond Brasile