Brasile, Banca centrale taglia tassi più del previsto

Il costo del denaro è sceso al 13% in Brasile, ma l’economia resta debole e il tasso di disoccupazione è in crescita

di , pubblicato il
Il costo del denaro è sceso al 13% in Brasile, ma l’economia resta debole e il tasso di disoccupazione è in crescita

Il Brasile taglia il costo del denaro per la terza volta consecutiva. Il tasso di interesse di riferimento (Selic), è diminuito dal 13,75% al 13% l’anno. La riduzione di 0,75 punti percentuali è la maggiore effettuata in quasi cinque anni e ha colto di sorpresa anche il mercato finanziario locale, che si aspettava al massimo un taglio dello 0,50%. A influire sulla decisione del Copom è stata anche la decelerazione dell’inflazione, che nel 2016 si è fermata al 6,29%.

La decisione della Banca centrale del Brasile di tagliare i tassi di interesse di 75 punti base, invece che dei 50 pb previsti – commenta Raig Botham, Emerging Market Economist presso Schroders – una sorpresa che covava da un po’. Infatti, l’attività economica in Brasile è stata costantemente inferiore alle attese sia dei mercati sia della Banca centrale, anche se valutata in un contesto complesso come quello attuale. Inoltre, l’ultimo taglio dei tassi di interesse da parte dell’Istituto centrale è stato di soli 25 pb, la metà di quanto la maggior parte degli economisti riteneva necessario. Dunque, da molti punti di vista, la più aggressiva decisione presa ieri rettifica un errore precedente.

Brasile: l’economia resta ancora debole

La cautela precedentemente assunta dalla Banca centrale pare essere stata sopraffatta da una raffica di dati macro deboli. Pur in miglioramento, le vendite al dettaglio e la produzione industriale indicano in effetti un’economia ancora in recessione. Fortunatamente per la Banca centrale, l’attività economica modesta fa sì che le pressioni inflative si stiano indebolendo. L’inflazione headline si colloca al momento nella fascia alta del target della Banca, per la prima volta da dicembre 2014. Le previsioni dell’Istituto centrale sull’inflazione sono state poi riviste al ribasso, al 4,4% per il 2017, lasciando dunque spazio a tagli dei tassi maggiori rispetto a quanto scontato dai mercati. Ciò vuol dire che potremmo vedere i tassi scendere sotto il 10% quest’anno – e dunque tagli per altri 300 pb.

Disoccupazione ancora in ascesa in Brasile

Famiglie e imprese, che continuano a faticare a causa del pesante costo del credito, hanno accolto con favore la mossa di allentamento monetario attuata dalla Banca centrale, che probabilmente però ancora non darà avvio a una fase di re-indebitamento.

Sebbene le banche commerciali abbiano già ridotto i tassi, in linea con la decisione della Banca centrale brasiliana, la disoccupazione continua a salire e lo farà ancora per un po’ di tempo dopo che il PIL si riprenderà. Inoltre, c’è il rischio che la crescente incertezza politica possa pesare sulla fiducia delle imprese e, di conseguenza, sulla spesa per capitale. Per adesso, manteniamo inalterate le previsioni sulla crescita del PIL per il 2017, a un +0,6% piuttosto anemico.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: ,