Bond Veneto Banca: i senior a due mesi rendono il 22%

Le obbligazioni senior Veneto Banca 4% 2017 (XS1016053537) sono scese sotto il prezzo di collocamento

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le obbligazioni senior Veneto Banca 4% 2017 (XS1016053537) sono scese sotto il prezzo di collocamento

Tornano al centro dell’attenzione degli investitori i bond Veneto Banca. Le quotazioni delle obbligazioni subordinate sono tornate a soffrire, mentre cominciano a mostrare segnali di cedimento anche i bond senior. Cosa succede?

Le notizie che giungono da Siena sulla criapitalizzazione di Mps riguardanti il coinvolgimento volontario dei bondholders subordinati che potrebbe estendersi anche ai senior hanno innescato preoccupazioni anche sulle obbligazioni della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca, che versano in strato distressed a causa dell’enorme peso delle sofferenze. Non solo. In questi giorni, Atlante è al centro delle cronache finanziarie perché sta spingendo per una fusione tra la Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Si tratta dei due istituti del Nordest di cui lo stesso fondo guidato da Penati, nei mesi scorsi, è diventato di fatto primo azionista assoluto, quasi al 100%, prendendo parte ai due aumenti di capitale dello scorso anno e sborsando circa 2,5 miliardi. Ebbene, in una lettera indirizzata tempo fa ai consigli di amministrazione delle due banche, Atlante ha chiesto ai due istituti di stilare un piano che preveda “uno scenario di fusione”.

Obbligazioni Veneto Banca 4% 2017 rendono il 22%

La notizia non è stata ben recepita dal mercato che ha cominciato a colpire duro sui bond subordinati, per i quali si teme lo stesso trattamento in corso per quelli di Banca Mps, ma anche su quelli senior a breve scadenza. L’obbligazione da 350 milioni di euro con scadenza 20 gennaio 2017 e cedola 4% (codice ISIN XS1016053537) è infatti scesa sotto la pari e in questo momento prezza su EuroTLX intorno a 97 per un rendimento a scadenza del 22%. Il bond è stato emesso a favore di investitori istituzionali nel 2014 al prezzo di 99,654 e prevede il rimborso fra meno di due mesi a 100. Stesso rendimento anche per la “gemella” Banca Popolare di Vicenza, pari scadenza (codice ISIN XS1017615920) che offre però una cedola del 3,50% e che prezza intorno a 96,80.

Bond sotto pressione, si teme conversione in azioni

Indiscrezioni di stampa riferiscono che le banche venete potrebbero avere bisogno di una ulteriore iniezione di liquidità a sostegno della fusione. Soldi che potrebbero arrivare solo in parte dal fondo Atlante e che molto probabilmente verranno chiesti anche al mercato. Se l’operazione di conversione dei bond subordinati Mps dovesse andare a buon fine, non è quindi escluso che anche Popolare di Vicenza e Veneto Banca possano fare altrettanto. Per ora, però, si tratta solo di rumors e i senior sono esclusi.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Veneto Banca