Bond Telecom Italia a 60 anni: risultati del collocamento

Il rendimento del bond ibrido Telecom Italia è stato fissato al 7,875%

di , pubblicato il
Il rendimento del bond ibrido Telecom Italia è stato fissato al 7,875%

Telecom Italia ha reso noto che il lancio del bond ibrido scadenza 2073 e durata pari a 60 anni si è concluso con successo. L’emissione obbligazionaria (ISIN IT0003497168) per complessivi 750 mln di euro fa parte del piano del colosso delle tlc finalizzato all’emissione entro due anni di obbligazioni per complessivi 3 mld finalizzate all’aumento della flessibilità finanziaria e alla conservazione dell’attuale rating. Su questo specifico punto ci sono però da segnalare le mosse di Moody’s e di Standard and Poors’ con la prima che circa un mese fa ha tagliato il rating e la seconda che ha annunciato un creditwatch con implicazioni negative. Controcorrente Fitch che questa mattina ha confermato il suo rating (Telecom Italia, per Fitch il rating resta BBB).

Il titolo Telecom prevede un’opzione opzione “callable” a partire dal quinto anno e successivamente ogni 5 anni. Il rendimento effettivo del bond alla prima data di rimborso anticipato è pari al 7,875% ossia 694,9 punti base sopra il midswap.  A permettere di prezzare l’operazione al di sotto della guidance iniziale è stata la qualità del book ordini.

Sui risultati del collocamento è intervenuto l’ad del gruppo Marco Patuano che a margine di un convegno alla Bocconi ha affermato: “con il bond ibrido di oggi Telecom Italia ha voluto dare un segnale al mercato sulla propria capacità di finanziamento, anche se prevede di ottenere condizioni migliori nelle prossime emissioni”. “Volevamo dare un segnale al mercato – ha continuato Patuano – ma in questo momento di alta volatilità è lecito attendersi per il futuro condizioni migliorative rispetto a quelle attuali”.

 

Argomenti: , ,