Bond: taglio rating Italia ora molto probabile

Il giudizio di S&P è atteso per il 26 ottobre, mentre quello di Moody's dovrebbe arrivare entro la fine dello stesso mese

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il giudizio di S&P è atteso per il 26 ottobre, mentre quello di Moody's dovrebbe arrivare entro la fine dello stesso mese

Un risultato probabile dei nuovi target sul deficit italiano al 2,4% nel 2019-21 sarà il taglio del rating di credito da parte delle agenzie Moody’s e Standard & Poor’s. Lo indica Peter Chatwell, head of rates strategy at Mizuho, secondo cui “data l’alta probabilità di un downgrade, gli investitori obbligazionari che seguono gli indici hanno tutti i motivi per essere cauti“. Il giudizio di S&P è atteso per il 26 ottobre, mentre quello di Moody’s dovrebbe arrivare entro la fine dello stesso mese. Lo spread Btp/Bund tratta in forte allargamento a 269,517 pb.

Dopo le prime due ore di scambi, il Btp decennale vede un rendimento in violento rialzo di 26 punti base al 3,17%, su livelli vicini ai massimi di fine agosto. “La seduta odierna non poteva che aprirsi con forti vendite sui titoli italiani, dopo il raggiungimento, in extremis, dell’intesa tra Lega e Cinque Stelle sul rapporto deficit e Pil“, commentano gli strategist di Mps Capital Services. Gli esperti sottolineano però come il percorso verso la Legge di Bilancio 2019 sarà ancora molto lungo, e “il prossimo passo sarà la presentazione del documento programmatico di bilancio alla Commissione europea, il 15 ottobre“. A sua volta Bruxelles “deve esprimere un primo parere che entro il 30 novembre, per poi dare un giudizio definitivo nella primavera del 2019“, concludono gli esperti.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Ratings