Ha senso comprare bond con rendimenti negativi?

Ecco perché le obbligazioni con rendimenti sottozero possono risultare convenienti, pur essendo teoricamente perdite certe.

di , pubblicato il
Bond con rendimenti negativi. quando possono convenire

Inserire in portafoglio bond con rendimenti negativi non è qualcosa che ci siamo mai sentiti di suggerire su Investire Oggi, dato che per definizione si tratta di obbligazioni in perdita alla scadenza. Vediamo in questo articolo quando, tuttavia, l’investimento può risultare conveniente.

Cosa sono le obbligazioni con rendimenti sottozero

I bond sono titoli del debito emessi da società private, banche o entità pubbliche (stati, enti locali, enti sovranazionali, etc.). Essi assegnano all’acquirente un flusso di reddito periodico fino alla scadenza (cedola), data in cui il capitale sarà rimborsato. Questi assets possono essere acquistati a prezzi diversi da quello a cui avverrà il rimborso finale, sotto o sopra la pari. Nel primo caso, il rendimento risulterà superiore a quello offerto dalla cedola, nel secondo inferiore. Se il prezzo di acquisto fosse troppo alto e tale da più che azzerare il beneficio della cedola, alla scadenza registreremo rendimenti negativi.

Dunque, un bond con rendimenti negativi è un’obbligazione, il cui flusso di reddito erogatoci durante il periodo di investimento sarà inferiore al costo dell’investimento stesso. In sostanza, siamo in presenza di una perdita certa. Ma allora, vi starete chiedendo, perché sul mercato globale esistano trilioni di euro di obbligazioni con rendimenti negativi?

Per rispondere a questa domanda, dobbiamo aggiungere una complicazione al ragionamento di cui sopra. Alcuni investitori istituzionali si trovano “obbligati” a comprare titoli di questo genere, in quanto per statuto e/o norme regolamentari hanno la necessità di detenere in portafoglio assets di alta qualità. Ad esempio, le banche commerciali devono farlo per poter accedere a condizioni agevoli alla liquidità a basso costo degli istituti centrali. Ma se sei un investitore individuale, è evidente che questo non sia il tuo caso.

Bond con rendimenti negativi, quando convengono

In effetti, esistono alcune situazioni specifiche per le quali i bond con rendimenti negativi possono ancora esitare soluzioni positive per l’obbligazionista. Una di queste si ha quando il debito è denominato in una valuta che ci si aspetta si apprezzi contro la nostra. Pensate ai Bund della Germania. Molti investitori americani o di altre parti del pianeta continuano ad acquistarli, malgrado offrano rendimenti negativi fino alle lunghissime scadenze, perché ritengono che l’euro si apprezzerà contro il dollaro e le altre valute, per cui alla scadenza otterrebbero la restituzione di un capitale per loro rivalutatosi. Non è detto che accada o che accada a sufficienza per giustificare l’investimento, ma questa è la scommessa.

E poiché i prezzi si muovono in direzione opposta ai rendimenti, può accadere che un bond con rendimenti negativi si mostri appetibile per il semplice fatto che il mercato creda che continuerà ad apprezzarsi. Qui, l’intento non è chiaramente di tenere il titolo fino alla scadenza, bensì di rivenderlo alla prima occasione utile per maturare una plusvalenza. Questo discorso si applica particolarmente ai cosiddetti “safe assets”, quei “porti sicuri” presso i quali ci si rifugia nelle fasi di tensione finanziaria.

[email protected] 

 

Argomenti: