Bond: rally rendimenti continua ad affossare azionario

Il mercato drena liquidità dalle azioni per dirigersi verso il comprato obbligazionario. Il bund rende 0,76%, il Btp a 10 anni più del 2%

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il mercato drena liquidità dalle azioni per dirigersi verso il comprato obbligazionario. Il bund rende 0,76%, il Btp a 10 anni più del 2%

Il rally dei rendimenti dei titoli di Stato a livello globale continua a pesare sui mercati azionari mondiali. Il costo di finanziamento del Bund decennale è allo 0,76%, con il Dax che lascia sul terreno l’1,15%, mentre quello del Btp è sopra il 2% al 2,06%, con il Ftse Mib che cede l’1,4%.

I rendimenti sull’obbligazionario sono rimasti in un range ristretto per gran parte del 2017 e l’attuale corsa al rialzo rappresenta “un cambiamento nell’outlook” per i mercati finanziari, commenta Krishna Memani, chief investment officer di OppenheimerFunds. La rapida risalita dei costi di finanziamento, sebbene attesa, ha colto di sorpresa gli investitori, aggiunge Stefan Hofer, chief investment strategist di Lgt Bank Asia.

Intanto, sul fronte macro, gli investitori restano in attesa della stima finale che dovrebbe confermare il Pmi composito dell’Eurozona in aumento a gennaio a 58,6 punti da 58,1, con i servizi in rialzo a 57,6 da 56,6, affermano gli economisti di Intesa Sanpaolo, puntualizzando che in Italia invece il Pmi servizi è atteso in lieve rallentamento a 55 punti da 55,4, in coerenza con le indicazioni giunte dall’indagine Istat. Le vendite al dettaglio dell’Eurozona a dicembre sono invece attese, sempre dagli economisti di Intesa Sanpaolo, in calo dell’1,2% m/m dall’1,7% m/m per effetto delle pesanti contrazioni registrate in Germania, Francia e Spagna. La variazione annua scenderebbe all’1,6% da 2,7%, lasciando i consumi stagnanti nel quarto trimestre dopo essere cresciuti dello 0,5% t/t nel precedente.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

I commenti sono chiusi.