Bond: politica bilancio espansiva Italia può riportare volatilità su Btp

Il meeting di oggi tra i vertici dell'esecutivo "dovrebbe confermare l'orientamento verso una politica di bilancio più espansionistica

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il meeting di oggi tra i vertici dell'esecutivo

La discussione preliminare sulla futura legge di Bilancio italiana saranno oggi il focus degli investitori obbligazionari. Secondo Daniele Antonucci e Joao Almeida, analisti di Morgan Stanley, il meeting di oggi tra i vertici dell’esecutivo “dovrebbe confermare l’orientamento verso una politica di bilancio più espansionistica“. Il deficit 2019, secondo gli esperti della banca d’investimento, “dovrebbe essere vicino alla soglia limite del 3%“. Questa circostanza, “insieme ai deboli fondamentali economici italiani”, proseguono Antonucci e Almeida, “dovrebbero far rialzare il grado di preoccupazione degli investitori sul percorso del debito italiano“. Tutto questo “potrebbe riportare volatilità sul debito italiano“, concludono gli analisti.

 

Deficit al 2% punto di partenza per legge di bilancio

 

Le parole del ministro dell’Economia Giovanni Tria nella sua intervista al quotidiano Il Sole 24 Ore vengono in queste ore passate al setaccio dagli investitori per trovare più indizi possibili sulla futura legge di Bilancio e sul percorso del debito italiano. “Il ministro Tria ha preannunciato una stima di 1,2% per la crescita 2018, e di 1,0-1,1% nel 2019“, commentano gli economisti della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, secondo i quali “il deficit tendenziale 2019 salirebbe perciò a 1,2%, a cui vanno aggiunti altri 12,4 mld di Iva che non sarà attivata e l’aumento della spesa per interessi“. Perciò, concludono gli esperti, “il punto di partenza probabile per il deficit 2019 dovrebbe essere circa del 2%“. Lo spread Btp/Bund scambia in leggera contrazione a 243,095 punti base.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

I commenti sono chiusi.