Bond: obbligazionario guardingo, BCE pensa a tapering

Stabile il mercato obbligazionario dopo i dati sul lavoro USA. La BCE focalizzata su riduzione programma acquisti bond

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Stabile il mercato obbligazionario dopo i dati sul lavoro USA. La BCE focalizzata su riduzione programma acquisti bond

Mercato obbligazionario stabile dopo la pubblicazione del report sul mercato del lavoro Usa di ottobre, con i salari che hanno nettamente deluso il consenso, alimentando i dubbi sull’andamento dell’inflazione negli Usa. Lo spread Btp/Bund tratta poco mosso a 142,854 punti base e quello tra il decennale spagnolo e tedesco a 111 pb.

Mercati obbligazionari ancora piuttosto cauti e guardinghi, in un contesto di tassi molto contenuti e spasmodica ricerca di rendimenti addizionali, di cui sta beneficiando soprattutto l’Italia, con lo spread arrivato intorno ai 140 punti base“, affermano gli strategist di Mps Capital Services, puntualizzando che “la vicenda catalana continua a non essere percepita come un problema dagli operatori, malgrado la notizia degli arresti del vicepresidente e di 7 ministri della regione“. I rendimenti dei Btp nel frattempo sono sui minimi dell’anno.

 

Catalogna non pesa sui bond europei

L’ondata di arresti, “sebbene giustificata dalla legge, complica il dibattito in vista delle elezioni in Catalogna e la situazione potrebbe essere vista come una forma di oppressione da parte di Madrid“, commentano gli strategist di Unicredit, secondo i quali “il primo ministro spagnolo, Mariano Rajoy, per evitare qualsiasi contraccolpo, dovrebbe rapidamente dichiarare di essere a favore di una riforma della costituzione in senso federalista“.

Nel frattempo, sul fronte della politica monetaria, il membro della Bce, Ewald Nowotny, ha puntualizzato che “ci sono buone ragioni per le quali la Banca centrale europea potrebbe considerare di ridurre il suo programma di acquisto di asset l’estate prossima“, o a settembre. Per il banchiere la riduzione nel ritmo di acquisti mensili da parte dell’Istituto di Francoforte annunciata ad ottobre non può essere considerata come tapering, dal momento che non è stato fatto riferimento alla conclusione definitiva del Qe.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.