Bond: mercato tranquillo dopo riunione Bce senza novità

I titoli di Stato dell'Eurozona si muovono poco dopo la riunione di politica monetaria della Banca Centrale Europea di ieri,

di Mirco Galbusera, pubblicato il
 I titoli di Stato dell'Eurozona si muovono poco dopo la riunione di politica monetaria della Banca Centrale Europea di ieri,

Lo spread Btp/Bund ha aperto poco mosso a 227,861 punti base, rispetto ai 229,586 della chiusura di ieri. I titoli di Stato dell’Eurozona si muovono a malapena stamattina dopo la riunione di politica monetaria della Banca Centrale Europea di ieri, che ha mantenuto invariati politica monetaria e guidance su tassi, Qe e reinvestimenti. Il presidente Bce Mario Draghi non ha fornito dettagli sulla futura politica di reinvestimenti ma, secondo gli strategist di Commerzbank, “qualche piccolo indizio si può ricavare dall’affermazione che i “i riacquisti continueranno in base alla regola delle quote paese nel capitale Bce”, il cosiddetto Capital Key, “che funzionerá come ancora” per le operazioni. Il rendimento del Bund tedesco è poco mosso allo 0,407%, mentre il Btp decennale scambia con un rendimento intorno al 2,688%.

Anche secondo gli analisti di Unicredit la riunione della Banca Centrale Europea di ieri è stata “in larga parte un non-evento per i mercati finanziari”. Gli esperti notano come “i rendimenti dei Bund sono rimasti poco mossi e l’euro si è indebolito nei confronti del dollaro ma su una scala piú ampia la breve conferenza stampa ha dato poco da pensare agli investitori per rivedere i loro outlook sui tassi” e sul mercato obbligazionario.

Tuttavia, per Jan von Gerich, chief strategist di Nordea, sui bond a lunga scadenza c’è spazio per un rialzo dei rendimenti, “non tanto per le decisioni della Bce quanto per la distensione sul tema del commercio”. Secondo l’esperto, la minaccia di un’escalation e di dazi sulle importazioni di auto “è stato uno dei motivi chiave che hanno mantenuto basso il rendimento dei Bund negli scorsi mesi” e la tregua raggiunta tra il presidente Usa Donald Trump e il numero uno della Commissione Europea Jean-Claude Juncker “potrebbe spianare la strada ad un rialzo dei rendimenti”, anche se la Bce si è mantenuta colomba.

Oggi è attese un’asta di titoli di Stato italiani. Il Tesoro collocherá un massimo di 6 mld euro di Bot a sei mesi. L’ultima asta, tenuta di titoli semestrali ha collocato 6,5 mld euro ad un rendimento medio dello 0,092%, con un rapporto di copertura dell’1,98.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Btp

I commenti sono chiusi.