Bond Mercati Emergenti più interessanti di quelli dei Paesi core

I rendimenti dei bond dei mercati emergenti sono migliori di quelli delle economie mature. Il rischio è cambiato rispetto al passato. L’analisi degli esperti

di Mirco Galbusera, pubblicato il
I rendimenti dei bond dei mercati emergenti sono migliori di quelli delle economie mature. Il rischio è cambiato rispetto al passato. L’analisi degli esperti

Bond dei mercati emergenti migliori di quelli dei Paesi core? L’evidenza non lascia dubbi sul fatto che le performance delle obbligazioni dei Paesi emergenti sia nettamente migliore rispetto ai bond delle economie mature. E oggi, rispetto al passato, il contesto economico e finanziario globale è cambiato: i rischi sono cambiati e i rendimenti dei bond dei Paesi core sono drogati dalle politiche espansive banche centrali.

 

Una delle principali sfide per gli investitori obbligazionari è la scelta del momento in cui focalizzarsi sulla ricerca di beta e quando invece sia opportuno adottare un approccio long/short. L’obiettivo – osserva Tim Haywood responsabile delle strategie obbligazionarie absolute return di GAM è: conseguire risultati positivi indipendentemente dall’andamento del mercato obbligazionario e dall’ampiezza o dai movimenti sullo spread.

 

L’analisi degli esperti di GAM

 

Durante la crisi finanziaria e il conseguente crollo di Lehman la performance dei nostri fondi d’investimento obbligazionari – dice Haywood – ha avuto un rallentamento relativamente ridotto. Ci siamo ampiamente protetti dai subprime, posizionamento che ci ha ripagato appieno, con il nostro portafoglio obbligazionario interessato da un significativo rimbalzo nel primo trimestre del 2009. Altri periodi di sofferenza sono stati il 2014, quando abbiamo ritenuto il posizionamento sulla duration troppo costoso (da allora siamo diventati più sensibili al momentum nelle nostre strategie obbligazionarie e sui tassi) e il 2015, quando le strategie obbligazionarie absolute return hanno fatto fatica.

 

I rendimenti obbligazionari

 

“Quest’anno i rendimenti obbligazionari sono cresciuti fino a marzo, per poi crollare a giugno, prima di un altro rimbalzo e un altro crollo. Il credito si è in un certo qual modo messo in una posizione scomoda in cui le obbligazioni a 5 anni con rating A e tripla B hanno spread di credito medi intorno ai 200 punti base in Europa, mentre gli omologhi con rating investment grade registrano spread di credito medi di soli 49 punti base”.  Eterogenei i driver della performance. “Abbiamo ricavato dai tassi nella prima parte dell’anno – prosegue – Haywood, ma è stato più difficile nei mesi a seguire data la fase laterale che ha investito il mercato. In altri ambiti, abbiamo registrato guadagni in crescita nel credito e nel mercato valutario. Abbiamo mostrato poca fiducia nei confronti del biglietto verde per tutto l’anno, sebbene ultimamente stiamo tornando sui nostri passi.  Storicamente siamo sempre stati in grado di generare rendimento anche nelle fasi di caduta, in termini di prezzi, dei mercati obbligazionari.

 

Cosa aspettarsi in futuro

 

“Guardando al prossimo futuro – conclude Haywood – crediamo sia lo scenario di prezzi al ribasso quello predominante e non vediamo all’orizzonte fasi di guadagni sostenibili sui prezzi obbligazionari, anzi proveremo ad intercettarli. Il sostegno del QE comincerà ad affievolirsi. I rendimenti attuali, al netto dell’inflazione futura, lasciano rendimenti a zero, o comunque molto bassi, nei Paesi core. Mercati emergenti e segmenti non tradizionali del credito offrono entrambe buone opportunità di investimento obbligazionario.  Il nostro posizionamento in termini valutari è estremamente variabile, con una netta riduzione del nostro grado di negatività nei confronti del dollaro. Rimanendo in tema di investimenti legati alla politica, abbiamo elaborato una strategia per proteggerci dalle crescenti tensioni in Corea del Nord, adottando un posizionamento di pair trading tra i CDS cinesi e sud coreani, che abbiamo conservato fino alla fine di agosto”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mercati Emergenti

I commenti sono chiusi.