Bond in franchi svizzeri, VTB Capital rende il 10%

Il titolo della banca russa va a rimborso fra pochi mesi. La valuta rosso crociata verso la parità con l’euro dopo la decisone della BNS

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il titolo della banca russa va a rimborso fra pochi mesi. La valuta rosso crociata verso la parità con l’euro dopo la decisone della BNS

Che bisognasse acquistare bond in franchi svizzeri lo avevamo detto solo un mese fa. E chi ci ha seguito oggi può festeggiare un bel guadagno sul cambio. La decisione presa dalla Banca Centrale Svizzera di lasciare fluttuare liberamente la valuta rosso crociata nei confronti dell’euro ha infatti spinto la moneta unica in ribasso di oltre il 15%, verso la parità. In altra parole la BNS – come era nell’aria da tempo – non riusciva più a sostenere il cambio a 1,20 e così il franco ha rotto gli argini come un fiume in piena.   La BNS rimuove il floor del franco a 1,20 contro euro   Contestualmente la BNS ha abbassato nuovamente i tassi sui depositi a breve spingendoli ulteriormente in terreno negativo, da – 0,25% a -0,75%. In altre parole per detenere franchi svizzeri in portafoglio bisogna essere disposti a pagare, anziché ricevere interessi in cambio. E’ il paradosso della finanza che, nei momenti di crisi e panico, spinge gli investitori non solo verso assets ritenuti sicuri, ma anche a perderci per conservarli.   Secondo gli analisti, la mossa della Banca centrale svizzera alimenta le speranze di Qe da parte della Bce. Di fatto, la decisione di oggi significa che la Banca centrale svizzera si aspetta che un Qe ci sarà e che quindi il cambio euro/cfh scenderà. Per gli svizzeri dunque non aveva più senso mantenere il floor a 1,20.   Obbligazioni VTB Capital 5% 2015 in franchi svizzeri   [fumettoforumright]Il riflesso sul mercato obbligazionario corporate denominato in Chf non è stato trascurabile con i gestori che stanno ricalibrando gli assets in portafoglio. Per fare un esempio pratico, i titoli Fiat Finance & Trade 5,25% 2016 (CH0197841544 ) sono stati venduti a piene mani e al momento offrono un rendimento del 2,35% a scadenza. Così come i bond con scadenza 2019 di recente emissione. Prima della mossa della BNS rendevano intorno al 1,5%. Questo perché gli investitori ritengono che un asset abbastanza sicuro come quello del gruppo automobilistico italo americano non possa più dare generosi spunti di rendimento anche se il cambio Chf/euro dovesse scendere sotto la parità. Per converso, il bond VTB Capital 5% novembre 2015 (CH0141533403) è salito portandosi a quota 95 a pochi mesi dalla scadenza e offrendo un rendimento superiore al 10%. In questo caso, però, il rafforzamento del franco ha dato impulso all’obbligazione bancaria russa (rating BBB-) che era scesa notevolmente di prezzo dopo lo scoppio della crisi del rublo.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni bancarie, Bond in franchi svizzeri, Obbligazioni societarie, Ratings

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.