Bond, il mercato si calma guardano alla Grecia

I negoziati coi creditori entrano da oggi in una fase cruciale. Probabile una soluzione accomodante in extremis. BTP al 2,36% e spread a 157 bp

di Mirco Galbusera, pubblicato il
I negoziati coi creditori entrano da oggi in una fase cruciale. Probabile una soluzione accomodante in extremis. BTP al 2,36% e spread a 157 bp

Dopo lo scivolone di ieri mattina, il mercato obbligazionario europeo resta incerto. Operatori e investitori continuano a guardare con apprensione le notizie che giungono dalla Grecia facendo tutti i calcoli possibili e immaginabili riguardo a una possibile uscita della Grecia dall’euro (Grexit). La volatilità si è ridotta rispetto a ieri, anche perché molti ribassisti che avevano scommesso su una discesa dei prezzi dei bond sono andati a ricoprirsi chiudendo le posizioni in attesa dell’esito dei negoziati fra Atene e i creditori che sta entrando in una fase cruciale e potrebbe riservare sorprese risolutive a favore di un accordo in extremis.   Il rendimento del Bund decennale tratta così allo 0,82%, mentre quello del Btp è al 2,36% con spread a 154 punti base e quello del Bono al 2,39% con differenziale a 157 pb. Gli analisti fanno notare che “la Spagna si sta lentamente riavvicinando all’Italia e che questa è stata presa più pesantemente di mira nelle recenti ondate ribassiste. Ora non resta che aspettare le notizie che arriveranno dalla Grecia, oggi ma soprattutto domani in occasione dell’Eurogruppo, e quanto emergerà dalla riunione del Fomc. I dati definitivi sull’inflazione di maggio dell’Eurozona non dovrebbero invece suscitare particolari reazioni sul mercato. [fumettoforumright]

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bond Grecia, Titoli di Stato Italiani

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.