Bond high yield: rischio insolvenza massimo negli USA

Fitch prevede che nel 2016 aumenteranno i fallimenti delle società energetiche. Solo colpa del prezzo del petrolio?

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Fitch prevede che nel 2016 aumenteranno i fallimenti delle società energetiche. Solo colpa del prezzo del petrolio?

Il crollo del prezzo del petrolio sui mercati internazionali sta mettendo a dura prova le società energetiche. Soprattutto quelle americane che si sono indebitate molto scaricando il costo dei finanziamenti high yield sugli obbligazionisti. Non passa settimana negli USA senza che le aziende energetiche evitino di fare ricorso alla legge sulla protezione dei creditori (Chapter 13) o finiscano in bancarotta (Chapter 7). Per effetto i livelli di default delle società statunitensi che operano nel settore energetico sta crescendo. A confermarlo è l’agenzia di rating Fitch, dicendo che a dicembre i default nel settore hanno già superato i 5,5 miliardi di dollari portando il tasso di default dei bond high yield (cioè ad alto rating e quindi a basso rating, la maggior parte “CCC”, cioè classificabili come titoli spazzatura) al 3,3% rispetto a una media del 3% di novembre.   Fitch: indice default rate salirà al 11% nel 2016   Più nel particolare, il tasso di default dei titoli delle società del settore oil è salito al 7% e secondo Fitch salirà all’11% nel 2016. Questo perché all’orizzonte non si prevede un recupero del prezzo del petrolio rispetto ai livelli attuali. I bond high yield del settore energetico negli Usa con un rating non superiore a “CCC” valgono quasi 100 miliardi di dollari. Secondo Fitch, la percentuale di default salirà anche per effetto della crisi del comparto minerario, più direttamente collegato alla domanda di materie prime legate al settore metallurgico. E sarebbe la quarta percentuale più alta degli ultimi 15 anni con un ammontare di crediti che andranno in fumo per 66 miliardi di dollari (il record fu nel 2009 con 119 miliardi). Escludendo petrolio e minerali ferrosi, che incidono per il 79% sul default rate, l’indice di default sarebbe sorprendentemente più basso che in passato: solo 1,5% contro una media del 2,1%.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni High Yield, Bond in dollari USA, Obbligazioni societarie, Ratings