Bond Cina: Pechino apre ancora alle transazioni finanziarie

Un altro passo avanti nell'inclusione del debito cinese negli indici obbligazionari tradizionali. il punto di State Street

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Un altro passo avanti nell'inclusione del debito cinese negli indici obbligazionari tradizionali. il punto di State Street

La Cina ha compiuto un ulteriore passo avanti nel raggiungimento dei requisiti di inclusione dell’indice Bloomberg Barclays Global Aggregate e del JPM GBI EM Global Diversified, indici replicati rispettivamente per 2.000-3.000 miliardi di dollari e 230 miliardi di dollari. A partire da ieri, Delivery e Payment sono possibili per le transazioni effettuate tramite Bond Connect, fattore che ridurrebbe il rischio di regolamento per gli investitori durante il processo di acquisto e vendita di obbligazioni.

La possibilità di effettuare transazioni in blocco (ossia raggruppare gli ordini di più conti in una sola negoziazione) è l’unico punto che deve essere ancora migliorato per completare il processo di inclusione del debito cinese negli indici obbligazionari tradizionali. Secondo le attese, le negoziazioni in blocco dovrebbero essere operative a partire da
settembre. Inoltre, quest’anno in Cina si stima che si siano già registrati circa 56 miliardi di dollari di flussi per conto di portafogli esteri che, secondo le stime di alcuni analisti, avrebbero portato la proprietà straniera del debito pubblico cinese all’8%. Due anni prima, la percentuale del debito cinese di proprietà straniera è stata esigua, al 2% circa. Chiaramente, gli investitori sono ottimisti sui titoli di debito cinesi nonostante le continue tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Mercati Emergenti

I commenti sono chiusi.