Bollorè emette bond per pagare la scalata a Mediaset

Collocato un bond da 500 milioni di euro a cinque anni (FR0013233426) con cedola fissa al 2%

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Collocato un bond da 500 milioni di euro a cinque anni (FR0013233426) con cedola fissa al 2%

Bolloré S.A. emette bond per 500 milioni di euro. La finanziaria del finanziere bretone Vincent Bolloré con sede in Lussemburgo ha recentemente collocato sul mercato dei capitali un prestito obbligazionario senior a cinque anni raccogliendo nuovi fondi allo scopo di finanziare le attività della propria società, fra cui c’è anche l’acquisto delle azioni Mediaset alla Borsa di Milano.

La scalata che ha portato Vivendi, controllata da Bollorè S.A., da poco sotto il 3% al 28,8% di Mediaset è costata, infatti, ai francesi circa 1,2 miliardi. Dalle comunicazioni del gruppo francese risulta infatti che il pacchetto azionario rastrellato in borsa da Vincent Bolloré abbia comportato la concessione di una linea di credito bancaria che sarebbe dovuta essere coperta a breve attraverso l’emissione di uno o più prestiti obbligazionari. Non è la prima volta che Bolloré emette bond: nel 2015 aveva già collocato obbligazioni per 450 milioni di euro al tasso del 2,875% per sei anni (Isin FR0012872174 ).

Obbligazioni Bolloré 2% 2022 – FR0013233426

Le nuove obbligazioni Bolloré S.A. (Isin FR0013233426) hanno durata cinque anni, pagano un coupon del 2% e vanno a scadenza il 25 gennaio 2022. Collocate presso investitori istituzionali a 99,741, sono negoziabili per importi minimi di 100.000 euro alla borsa di Parigi. Il bond Bolloré S.A. 2% 2022 è senior unsecured, stacca la cedola il 25 gennaio di ogni anno e va a rimborso in unica soluzione a scadenza, salvo la possibilità da parte dell’emittente di richiamarlo in anticipo (call redemption) a partire dal 25 ottobre 2021. La società, creata nel 1882, è controllata dalla storica famiglia Bolloré, non gode di rating da parte delle agenzie, ma vanta un giro d’affari che supera i 10 miliardi di euro. La finanziaria Bolloré controlla il 20% di Vivendi (media e comunicazioni), ma è attiva anche nel settore dei trasporti, della logistica e dell’immobiliare.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti

I commenti sono chiusi.