BNP Paribas lancia i primi Stock Bonus Certificate sul mercato italiano

BNP Paribas annuncia l’emissione sul SeDeX di Borsa Italiana della prima serie di *certificate* Stock Bonus su titoli azionari con durata biennale

di Mirco Galbusera, pubblicato il
BNP Paribas annuncia l’emissione sul SeDeX di Borsa Italiana della prima serie di *certificate* Stock Bonus su titoli azionari con durata biennale

BNP Paribas annuncia l’emissione della prima serie di certificate Stock Bonus su titoli azionari con durata
biennale e rendimenti potenziali compresi tra il 10,0% il 28,5%.  La principale novità dei nuovi Stock Bonus risiede nel fatto che questi certificate sono emessi a un valore nominale pari al valore iniziale, rappresentato dal prezzo dell’azione sottostante alla data di rilevazione: ad esempio, i Certificate Stock Bonus con sottostante Intesa Sanpaolo
presentano valore iniziale pari a 2,18 €, vale a dire la quotazione del relativo sottostante alla chiusura del mercato in data 28 agosto 2018.

Gli Stock Bonus consentono di ottenere un bonus se a scadenza quotano a un valore superiore o uguale al livello barriera, calcolato in percentuale rispetto al valore iniziale dell’azione. Grazie alla barriera a scadenza che caratterizza questi certificati, è possibile guadagnare anche in caso di ribassi moderati delle azioni sottostanti, compresi tra il 25 e il 40% del valore iniziale.

Il funzionamento di questo tipo di prodotto è molto semplice: se a scadenza, fissata il 28 agosto 2020, il valore dell’azione sottostante è pari o superiore al livello barriera, l’investitore riceve l’importo nominale più un premio, che può arrivare fino al 28,50% dell’importo nominale. Se invece a scadenza il valore dell’azione sottostante è inferiore al livello barriera, l’investitore riceve un importo commisurato all’effettiva performance del sottostante, con conseguente perdita sul capitale investito.

In particolare BNP ha lanciato 15 Stock Bonus Certificate su azioni di primarie società quotate, italiane e straniere:

*Fiat Chrysler Automobiles *(ISIN:NL0013030398 e NL0013030521),

*Intesa Sanpaolo *(ISIN: NL0013030406 e NL0013030539),

*Eni *(ISIN: NL0013030414),

*Assicurazioni Generali *(ISIN: NL0013030422),

*Banco BPM *(ISIN: NL0013030430),

*Enel *(ISIN: NL0013030448),

*Atlantia *(ISIN: NL0013030455),

* Saipem *(ISIN: NL0013030463),

*Unione di Banche Italiane *(ISIN: NL0013030471),

*Telecom Italia *(ISIN: NL0013030489),

*Unicredit *(ISIN: NL0013030497),

*ST Microelectronics* (ISIN: NL0013030505),

*BPER Banca *(ISIN: NL0013030513).

Luca Comunian, Head of Distribution Marketing & Communication – Gobal Markets di BNP Paribas Corporate & Institutional Banking, ha così commentato la nuova emissione: “I certificate Stock Bonus, oltre ad offrire un diverso profilo di rischio-rendimento rispetto all’investimento diretto nel titolo azionario, per la prima volta presentano un valore nominale pari al valore inziale del titolo sottostante. Proteggono inoltre il capitale investito a scadenza da moderati ribassi del sottostante e offrono dei ritorni potenziali fino al 14.25% annuo”. Infine il trattamento fiscale dei certificate, considerati redditi diversi di natura finanziaria (con aliquota pari al 26%), a differenza di altre classi di investimento quali fondi ed ETF, permette di utilizzare le eventuali plusvalenze per compensare perdite pregresse.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: BNP Paribas