Beni Stabili riacquista bond fino a 200 milioni

Contestualmente Beni Stabili lancia un nuovo bond convertibile con scadenza 2020. Tutti i dettagli dell’operazione

di Mirco Galbusera, pubblicato il

beni stabiliBeni Stabili torna ad emettere bond. L’ultima emissione risale allo scorso mese di marzo, quando la società immobiliare aveva collocato sul mercato un prestito obbligazionario senior da 125 milioni di euro mediante private placement. Ora Beni Stabili ha avviato un collocamento di obbligazioni convertibili, per un importo nominale minimo di circa 150 milioni di euro e massimo di 200 milioni. La Siiq – si legge in una nota – ha inoltre annunciato un contestuale ed eventuale riacquisto, mediante un’operazione di reverse bookbuilding, delle obbligazioni convertibili in circolazione per 225 milioni euro, con cedola al 3,375% e con scadenza 2018.   Obbligazioni convertibili Beni Stabili 2015-2020   L’importo nominale finale delle obbligazioni da collocare sara’ determinato sulla base dell’importo delle obbligazioni esistenti riacquistate. Beni Stabili si riserva il diritto di non procedere all’emissione delle obbligazioni e al riacquisto delle obbligazioni esistenti se le manifestazioni di interesse ricevute dai possessori delle obbligazioni esistenti sia inferiore al 50% dell’importo nominale delle obbligazioni esistenti originariamente emesse. Le obbligazioni saranno emesse alla pari con un valore nominale unitario di 100.000 euro, una scadenza di 5 anni e 181 giorni dalla data di emissione e una cedola fissa compresa in un range dal 0,50% al 1,25% annuale, pagabile posticipatamente su base semestrale il 31 gennaio e il 31 luglio di ogni anno, a partire dal 31 gennaio 2016. Le obbligazioni saranno convertibili in azioni della societa’ subordinatamente all’approvazione, da parte dell’assemblea straordinaria, da tenersi non oltre il 31 gennaio 2016, di un aumento di capitale con esclusione del diritto di opzione da riservare esclusivamente al servizio della conversione delle predette obbligazioni.   Conversione con sconto fino al 35% sulle azioni   Beni Stabili si attende che il prezzo di conversione iniziale delle obbligazioni sia fissato mediante l’applicazione di un premio compreso tra il 30% e il 35% sul prezzo medio ponderato delle azioni rilevato oggi sulla Borsa Italiana. Il collocamento e’ rivolto esclusivamente a investitori qualificati. Il ricavato dell’emissione delle obbligazioni sara’ destinato all’ottimizzazione della struttura finanziaria e del costo del capitale della societa’ mediante il finanziamento del riacquisto delle obbligazioni esistenti da riacquistarsi attraverso la procedura del reverse bookbuilding.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni convertibili, Obbligazioni societarie, Obbligazioni Beni Stabili

I commenti sono chiusi.