Bce: famiglie italiane le più penalizzate da tassi bassi

Le famiglie italiane erano abituate a spendere di più grazie ai rendimenti offerti dai tassi sui bond in passato

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le famiglie italiane erano abituate a spendere di più grazie ai rendimenti offerti dai tassi sui bond in passato

La politica di tassi a zero da parte della Banca Centrale Europea ha fatto perdere alle famiglie italiane una fetta di introiti molto superiore rispetto a quelle tedesche. Lo rivela un report della stessa Bce su ricchezza e consumi privati nell’Eurozona. Spesso gli osservatori e l’opinione pubblica tedeschi hanno accusato la Bce di aver danneggiato i risparmiatori tedeschi e aiutato i Paesi indebitati con la sua politica monetaria.

Il rapporto della Bce invece mostra come gli introiti da interessi delle famiglie tedesche non siano stati diminuiti dalla politica monetaria nel periodo 2008-2017. Infatti i risparmiatori di Berlino (e quelli francesi) hanno visto compensati i loro minori introiti da cedole di bond e conti correnti con una minore spesa per interessi sul debito. Al contrario, le famiglie italiane hanno assistito ad una forte diminuzione degli introiti dai bond e conti, circa il 6%, da loro detenuti in grande quantità, senza essere compensati con minori pagamenti di interessi, in calo del 2%, dato il loro basso livello di indebitamento.

Dal 2013 la ripresa nei consumi è stata diffusa in tutta l’Eurozona, ma le perdite causate dalle crisi non sono state recuperate ovunque“. Le aree come la Spagna e l’Italia, dove il calo è stato maggiore “non hanno ancora riguadagnato il livello precedente” alla crisi del 2008 e a quella del debito sovrano del 2011-12. Anche a livello di reddito, in Spagna e Italia i salari reali non hanno ancora recuperato i livelli pre-crisi, a causa della riduzione degli stipendi dettata dalla crisi e della disoccupazione ancora elevata. La situazione è ancora piú grave per i lavoratori con un basso livello di specializzazione.

 

In diminuzione il patrimonio immobiliare

 

Secondo il rapporto della Bce, in Italia anche “il patrimonio immobiliare delle famiglie è diminuito gradualmente, mentre il patrimonio finanziario ha visto un’evoluzione omogenea tra i diversi Paesi” e ha visto un aumento diffuso. Inoltre, la politica di tassi a zero da parte della Banca Centrale Europea ha fatto perdere alle famiglie italiane una fetta di introiti molto superiore rispetto a quelle tedesche. Al contrario, spesso gli osservatori e l’opinione pubblica tedeschi hanno accusato la Bce di aver danneggiato i risparmiatori tedeschi e aiutato i Paesi indebitati con la sua politica monetaria.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Macroeconomia