Bce deciderà su titoli di stato greci a luglio

La Banca centrale europea potrebbe iniziare ad acquistare anche titoli di stato greci a partire dal mese di luglio

Condividi su
Seguici su
Mirco Galbusera

grecia

La Banca centrale europea potrebbe discutere l’inclusione dei titoli di Stato greci nel suo programma di Qe, durante l’incontro di giugno. Tuttavia, per gli analisti di Axia Vg di Atene, la decisione sarà presa nel migliore dei casi a luglio. Il membro del comitato esecutivo della Bce, Benoit Coeure, ha affermato in un’intervista che l’Istituto di Francoforte sceglierà in modo indipendente, ma “sarebbe meglio se il Fmi cooperasse con noi per dare maggiore credibilità a tali misure“. Il Fondo Monetario potrebbe però impiegare fino a sei mesi per decidere, concludono gli esperti.

 

Grecia approva nuovo pacchetto di riforme

 

Il Parlamento della Grecia ha approvato giovedì sera nuove misure di austerità, che includono tra le altre cose nuovi tagli alle pensioni. Le misure verranno presentate dalla Grecia alla riunione dei ministri delle Finanze dell’Unione Europea che si terrà lunedì a Bruxelles, nella quale il governo greco tenterà di convincere i suoi creditori a sbloccare una tranche da aiuti di 7,5 miliardi di euro. Alexis Tsipras, primo ministro e leader del partito greco di sinistra radicale Syriza, ha detto: «Ci meritiamo e ci aspettiamo che l’Eurogruppo di lunedì decida di regolare l’alleggerimento del debito, che corrisponderà ai sacrifici fatti della popolazione greca». Le nuove misure di austerità sono invece state molto criticate dal partito di centrodestra Nuova Democrazia, la principale forza di opposizione nel Parlamento greco (e anche principale responsabile della grave situazione del paese, secondo molti).

 

La ricetta imposta dai creditori

Le riforme dovranno iniziare gradualmente a partire dal 2019 e faranno risparmiare 4,9 miliardi di euro. Tra le misure è previsto un taglio pensionistico fino al 18% a partire dal 2019 e una riduzione del reddito non imponibile di un terzo a partire dal 2020.       Il 22 maggio i ministri delle finanze dell’eurozona, a cui appartiene anche la Grecia, dovranno rivedere il pacchetto e considerare la possibilità di sbloccare la tranche di aiuti da 7,5 miliardi di euro necessaria per pagare i debiti ellenici in scadenza a luglio.

Seguici su Facebook

Condividi su
Seguici su

Commenta la notizia

SULLO STESSO TEMA