Banca Popolare di Vicenza lancia un bond senior a 5 anni

Raccolti 400 milioni di euro con l’emissione di un’obbligazione senior per istituzionali e cedola al 5%. La provvista servirà a rimborsare scadenze in programma l’anno prossimo

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Raccolti 400 milioni di euro con l’emissione di un’obbligazione senior per istituzionali e cedola al 5%. La provvista servirà a rimborsare scadenze in programma l’anno prossimo

Anche la Banca Popolare di Vicenza torna sul mercato obbligazionario. Era da molto tempo che il gruppo bancario vicentino non collocava un nuovo bond, ma la finestra temporale che si è aperta sui mercati in questi ultimi mesi e il migliorato clima di fiducia nei confronti degli istituti di credito italiani, ha dato una mano ai collocatori a rastrellare 400 milioni di euro. Un’operazione non certo facile, dato che la Banca Popolare di Vicenza non gode dei massimi favori delle agenzie di rating che classificano il debito come “non investment grade” (BB da S&P e a BB+ da Fitch) con out look negativo. Inoltre la banca aveva iniziato un road show per sondare l’interesse degli investitori già lo scorso mese di maggio, ma poi le condizioni avverse del mercato avevano fatto sì che l’operazione fosse rinviata.

 

Obbligazioni Banca Popolare di Vicenza 5% 2018 in dettaglio

 

popolaredivicenza

Il nuovo bond BPVi è stato collocato presso investitori istituzionali al prezzo di 99,461 con una domanda che ha sfiorato il miliardo di euro (Isin XS0985326502). L’ammontare sottoscritto è stato di 400 milioni a fronte di una durata quinquennale e di una cedola fissa lorda annuale (25 ottobre) pari al 5% che corrisponde a un rendimento lordo a scadenza del 5,12%, un pochino meglio di quanto pronosticato alla vigilia (5,25%). Più precisamente, si tratta di una obbligazione di tipo senior, negoziabile per tagli minimi da 100.000 euro classificata con rating BB da Standard & Poor’s. L’operazione è stata condotta con successo da un pool di banche composto da Imi, Rbs, Ubs e Barclays che hanno approfittato del buon momento di mercato dopo l’accordo sul debito Usa e hanno puntato sul 5 anni perché si è visto che, in questa fase di maggiore appetito per il rischio, c’erano parecchie richieste per rendimenti sopra il 5%. Il funding servirà essenzialmente ad assicurare le risorse necessarie per rimborsare un bond da 500 milioni che andrà in scadenza il prossimo mese di marzo: Banca Popolare di Vicenza 4,725% 2014. Il collocamento non ha mancato di influire sui prezzi degli altri bond della Popolare di Vicenza quotati, come il febbraio 6,75% 2015 che offre un rendimento lordo del 3,45%.

 

Accantonati 67 milioni di euro per coprire le sofferenze bancarie nel primo semestre 2013

Dal punto di vista dei conti, in attesa di conoscere la situazione del terzo trimestre 2013, la Banca Popolare di Vicenza ha proseguito nel corso dell’anno al rafforzamento patrimoniale del gruppo. Rilevanti accantonamenti su crediti nel primo semestre hanno portato l’utile dell’istituto a 1,6 milioni di euro. [fumettoforumleft]Al netto di questi accantonamenti, l’utile sarebbe stato circa in linea con quello dei primi sei mesi del 2012 (69 milioni), che tuttavia beneficiava di effetti fiscali non presenti quest’anno. La banca – dice Samuele Sorato – ha migliorato la redditività del 9,6% e rafforzato il patrimonio portando il core tier 1 al 9%”. “Questo – ha spiegato – ci protegge da eventuali future perdite su crediti e ci consente di continuare a fare impieghi. Lo faremo perché questa strategia ha pagato. La redditività della banca é migliorata grazie a questa politica di impieghi che ha permesso oltretutto di acquisire importanti nuovi clienti. Così, con una gestione operativa in crescita del 9,6% (per un totale di 216,9 milioni di euro), il Gruppo Banca Popolare di Vicenza ha registrato nel primo semestre dell’anno un utile netto pari a 1,6 milioni di euro. In sintesi, i dati economici:

 

Proventi operativi: 545,6 milioni di euro (+2,9% rispetto a giugno 2012)

Oneri operativi: 328,6 milioni di euro (-1,1% rispetto a giugno 2012)

Rettifiche su crediti: 187,4 milioni di euro (+97,3% rispetto a giugno 2012)

Costo del credito: 1,24% (+0,63 p.p.)

Cost Income: 58,8% (-2,0 p.p.)

 

… e quelli patrimoniali:

 

Raccolta diretta: 33,2 miliardi di euro (+2,6% rispetto a dicembre 2012)

Raccolta indiretta: 17,8 miliardi di euro (+1,2% rispetto a dicembre 2012)

Impieghi verso clientela: 31,2 miliardi di euro (+1,6% rispetto a dicembre 2012)

Risparmio gestito: 2,6 miliardi di euro (+8,5% rispetto a dicembre 2012)

Patrimonio netto (escluso utile netto): 3.220 milioni di euro

Core Tier 1 Ratio: 8,99% pro-forma (+0,76 p.p. rispetto a dicembre 2012)

Total Capital Ratio: 11,06% 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni bancarie, Banca Popolare di Vicenza

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.