Banca Mps: ipotesi bond convertendo da 2 miliardi

Le dimissioni di Viola allungano i tempi del salvataggio di Mps. Allo studio un bond convertendo da offrire ad azionisti e obbligazionisti

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le dimissioni di Viola allungano i tempi del salvataggio di Mps. Allo studio un bond convertendo da offrire ad azionisti e obbligazionisti

Banca Mps prende tempo sull’aumento di capitale. Le dimissioni dell’ Ad Fabrizio Viola porteranno, inevtiabilmente, allo slittamento del piano di risanamento della banca al 2017. Dimissioni che sarebbero maturate due giorni fa, come un’uscita conseguente al pressing esercitato da Jp Morgan, uno dei global coordinator dell’aumento di capitale fino a 5 miliardi in programma. Secondo fonti di stampa, il nodo della questione sarebbe stato proprio l’entità dell’aumento di capitale che il consorzio bancario internazionale non avrebbe accettato se non a forte sconto e con un coinvolgimento degli obbligazionisti subordinati Mps che detengono titoli per circa 5 miliardi di euro.

Bond convertendo per Monte dei Paschi di Siena?

Sulla questione, Il Sole 24 Ore riporta che le cifre dell’aumento di capitale sarebbero esagerate e che, a questo punto, le dimensioni potrebbero arrivare a 2 miliardi di euro, cosa che renderebbe meno oneroso l’esborso per per le banche d’affari impegnate nel consorzio di garanzia. Molto dipenderà comunque dalle decisioni che verranno prese in queste settimane dal nuovo a.d. della banca che sarà nominato in tempi brevi. Nel frattempo si starebbe facendo strada l’ipotesi di emettere anche un prestito obbligazionario convertendo da offrire ai sottoscrittori delle nuove azioni e agli obbligazionisti subordinati attraverso una  Exchange offer su base volontaria. Quindi, non più una proposta di conversione diretta di obbligazioni in azioni chiamando in causa i detentori di bond subordinati Mps a raccattare l’inoptato dell’aumento di capitale, ma una proposta di scambio che porterà allo stesso risultato e che offrirà agli obbligazionisti la possibilità di percepire comunque interessi per un certo numero di anni, salvo poi vedersi restituire, a scadenza, il capitale investito in azioni della banca. Sulla fattibilità e sulla size del bond si sta ancora lavorando, ma da indiscrezioni trapelate da Piazza Salimbeni, sembra che possa arrivare fino a 2 miliardi di euro.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Banca MPS, Obbligazioni High Yield, Obbligazioni subordinate

I commenti sono chiusi.