Banca Mps: azioni e bond spiccano il volo

L’assemblea di Banca Mps vara l’aumento di capitale. Bond subordinati in rialzo

di Mirco Galbusera, pubblicato il
L’assemblea di Banca Mps vara l’aumento di capitale. Bond subordinati in rialzo

Focus su azioni e bond subordinati Banca Mps. Il mercato sta puntando i riflettori sulla banca senese, la cui assemblea in corso dovrà approvare l’aumento di capitale fino a 5 miliardi di euro. L’assemblea straordinaria di Banca Mps (presente o rappresentato in assemblea il 22,37% del capitale) dovrà anche eleggere Alessandro Falciai nuovo presidente al posto del dimissionario Massimo Tononi.

In borsa, le azioni ordinarie di Banca Mps guadagnano l’8,31% a 0,2412 euro. Il prezzo dei bond subordinati Lower Tier II lunedi’ scorso aveva annullato tutto il recupero fatto dalla fine di settembre: nelle ultime sedute si nota invece un graduale e lieve aumento. Il bond con scadenza 15 gennaio 2018 si trova a 64,9 euro, in risalita dai 62,25 euro di lunedi’ scorso, quello con maturity 21 aprile 2010 a 65,9 euro dai 62,45 euro di lunedi’, quello con scadenza 9 settembre 2010 a 65,85 euro (63 euro lunedi’) e quello con maturity maggio 2018 a 62 euro dai 60 euro di lunedi’.

Conversione bond subordinati, il giudizio degli analisti

Marzotto Sim torna a riflettere sui bond subordinati di Banca Mps: gli esperti hanno deciso di analizzare gli introiti ricevuti dal Bond subordinato Upper Tier 2 ovvero l’emissione più rilevante facente parte del piano. L’ufficio studi di Marzotto Sim ipotizza di aver acquistato nel suo taglio nominale di 1.000 euro il titolo al prezzo di 100 euro in fase di collocamento con data valuta di acquisto 05/15/2008 sborsando quindi 1.000 euro. Attualmente il bond si trova a circa 60 euro. “La cedola del titolo è semestrale e variabile, difatti ‘paga’ l’Euribor a 6 mesi con un premio di 250 punti base. Abbiamo quindi ipotizzato che ogni cedola incassata sia stata reinvestita in Bot”, proseguono gli analisti. Dai calcoli emerge che “avendo investito inizialmente 1.000 euro ad oggi ne avremmo incassati 354,44 (cedole + Bot). Considerando di vendere oggi il titolo al prezzo di 60 ci sarebbe un ricavo di 600,63 euro (considerando 63 centesimi di interessi maturati) più i 354,44 euro di cedole + Bot incassati negli anni. Arriveremmo quindi ad un totale di 955,07 euro rispetto ai mille inizialmente investiti, con un risultato complessivo del -4,5% circa, corrispondente ad un ritorno del -0,53% annuo. Tutto sommato quindi, il nostro ipotetico investitore potrebbe uscire con una perdita sostanzialmente esigua. Per riuscire a tornare ‘in pari’ invece, sarebbe necessario un incremento del prezzo del titolo fino a circa 64,5 euro”.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Banca MPS, Obbligazioni subordinate