Banca Imi: quota su Mot/EuroTlx nuovo bond a tasso misto

Le nuove obbligazioni Banca IMBI Collezione Tasso Misto Euro Serie V (XS1608207566) sono negoziabili per importi di 1.000 euro

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Le nuove obbligazioni Banca IMBI Collezione Tasso Misto Euro Serie V (XS1608207566) sono negoziabili per importi di 1.000 euro

Da oggi è quotata sul Mot di Borsa Italiana e su EuroTlx una nuova Obbligazione Collezione in euro emessa da Banca Imi.

Si tratta di un bond senior a tasso misto di 300 milioni, denominato in euro e con una durata fissata in dieci  anni (scadenza 17 maggio 2027) – spiega una nota – che consente di ottenere un rendimento annuo lordo iniziale determinato e poi legato all’andamento dell’Euribor a tre mesi maggiorato di uno spread del 0,50%. Anche in caso di scenario negativo, il bond riconosce una cedola minima dello 0%, mentre qualora i valori dell’Euribor a tre mesi salissero oltre, la cedola massima riconosciuta non potrà superare il 3,40%.

Obbligazioni Banca IMBI Collezione Tasso Misto Serie V

 

Più nel dettaglio, l’ obbligazione Banca IMI a tasso misto (Isin XS1608207566)è stata collocata al prezzo di 99,47 e corrisponde interessi su base annuale pari al 3,40% per i primi due anni e poi interessi dello 0,50% sopra il tasso Euribor a tre mesi con un floor dello 0% e un cap del 3,40%. La cedola viene staccata il 17 maggio di ogni anno, mentre il rimborso avverrà in unica soluzione a scadenza nel 2027. Il tagli minimo di negoziazione è pari a 1.000 euro e al momento la quotazione è di 100 bid e 100,20 ask. Il rating del bond è “investment grade”: Baa1 per Moody’s, BBB- per Standard & Poor’s e BBB per Fitch. Grazie a questa emissione, Banca Imi espande l’offerta di ‘Obbligazioni Collezione’ quotate e negoziabili sui mercati regolamentati, che salgono a quota 47 e che possono essere utilizzate per diversificare il portafoglio grazie alla possibilità di scegliere tra diverse strutture cedolari e 11 differenti valute.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Banca IMI