Atlantia, CreditSights taglia rating bond Autostrade

Il bond di Autostrade prevede il diritto a vendere da parte degli obbligazionisti nel caso in cui l'azienda dovesse perdere la concessione

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il bond di Autostrade prevede il diritto a vendere da parte degli obbligazionisti nel caso in cui l'azienda dovesse perdere la concessione

In seguito alle incertezze legate al crollo del ponte Morandi a Genova e alle possibili conseguenze, CreditSights ha tagliato il rating sui bond di Autostrade per l’Italia a ‘underperform’ da ‘market perform’. La decisione è legata al fatto che il governo italiano potrebbe comminare una multa da 150 milioni di euro alla società concessionaria della tratta autostradale che fa capo ad Atlantia e potrebbe persino ritirarle la licenza. CreditSights ritiene che un’eventuale multa non produrrebbe impatti materiali su Atlantia, ma si attende che – qualora nella vicenda dovesse essere imputata una colpa ad Autostrade – le cause che ne deriverebbero possano produrre “ingenti sanzioni e indennizzi” a causa del numero elevato di vittime coinvolte nella sciagura.

I detentori dei bond di Autostrade per l’Italia potrebbero farsi liquidare nel caso in cui la società italiana dovesse perdere la concessione a operare lungo la rete di 2.850 chilometri di tratte che gestisce in Italia. Secondo CreditSights, che cita il prospetto del programma Medium Term Note da sette miliardi di euro della società, il bond di Autostrade prevederebbe un diritto a vendere da parte degli obbligazionisti nel caso in cui l’azienda dovesse perdere o farsi revocare la concessione. Di conseguenza, se ciò accadesse i detentori dei bond potrebbero chiedere all’emittente di farsi liquidare la carta che detengono, al valore della put nel giorno d’esercizio previsto e comprensiva degli interessi maturati fino a quel momento.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni Atlantia

I commenti sono chiusi.