Aste BTP€i e CTZ: salgono sensibilmente i rendimenti, buona la domanda

Sia i BTP indicizzati all'inflazione (emessi per un valore inferiore al della forchetta di offerta) che per i CTZ è stato registrato il sold out del quantitativo offerto; i rendimenti risultano in sensibile aumento.

di , pubblicato il
Sia i BTP indicizzati all'inflazione (emessi per un valore inferiore al della forchetta di offerta) che per i CTZ è stato registrato il sold out del quantitativo offerto; i rendimenti risultano in sensibile aumento.

Sia i BTP indicizzati all’inflazione (emessi per un valore inferiore al range massimo della forchetta) che per i CTZ è stato registrato il sold out del quantitativo offerto; i rendimenti risultano in sensibile aumento.

CTZ scadenza 29 novembre 2021 (ISIN: IT0005388928)

Nell’asta dell’unidesima tranche di CTZ  con scadenza 29 novembre 2021 è stato collocato l’importo massimo della forchetta compresa tra 2,25 e 2,75 miliardi di euro.

A fronte di richieste pari a quasi 4,5 miliardi di euro, il rapporto di copertura (tra titoli richiesti e titoli offerti) è stato pari a 1,63, registrando un aumento rispetto al valore di 1,55 dell’asta di febbraio.

Infine,  il prezzo medio dell’emissione è stato pari a 99,49 euro, con un rendimento medio che torna in positivo allo 0,307% rispetto al -0,143% del precedente collocamento.

BTP€I scadenza 15 settembre 2041 (ISIN IT0004545890)

Il BTP indicizzato all’inflazione (34° tranche) che paga un’interesse reale lordo annuo dello 2,55%  è stato collocato per l’importo complessivo di 691 milioni di euro, valore che si colloca nella parte alta della forchetta di offerta compresa fra 500 e 750 milioni.

Dato che le richieste sono state pari a circa 1,04 miliardi di euro, il bid to cover ratio (rapporto fra ammontare richiesto ed ammontare offerto) si è attestato a 1,51, risultando in leggero aumento dall’1,47 del precedente collocamento.

Infine, dato il prezzo di emissione è stato di 114,1 euro ,è stato determinato un rendimento lordo dell’1,77% mentre nel precedente collocamento risultava pari all’1,02%

Argomenti: , ,