Astaldi: si riunisce il comitato degli obbligazionisti

In attesa del piano di ristrutturazione dei bond Astaldi, gli obbligazionisti retail si riuniscono a Roma

di Mirco Galbusera, pubblicato il
In attesa del piano di ristrutturazione dei bond Astaldi, gli obbligazionisti retail si riuniscono a Roma

Il Comitato dei bondholders Astaldi è pronto a muovere le sue prime mosse. In attesa del piano di ristrutturazione finanziaria che verrà presentato fra circa due settimane dalla società in concordato preventivo, il presidente Nicolas Johnson ha informato gli oltre 500 associati, tramite comunicato sul sito web ufficiale www.bondholdersastaldi.it, che il prossimo 15 dicembre si terrà a Roma la prima riunione del Comitato.

Si tratta del secondo più importante step del Comitato, che rappresenta oltre il 10% dei crediti obbligazionari, dopo quello che ha conferito mandato di rappresentanza allo studio legale Legance di Roma al fine di salvaguardare il più possibile gli interessi degli obbligazionisti retail finiti in disgrazia dopo il crac finanziario di Astaldi e di tutelare i loro diritti quando sarà presentato e negoziato il piano di ristrutturazione di Astaldi. “Questo perché – ci tiene a ribadire Johnson – non abbiamo assolutamente intenzione di assistere passivamente a quello che farà Astaldi e di subire eventuali quanto possibili trattamenti che potrebbero penalizzarci di fronte ad altri creditori chirografari, fra cui le banche. Inoltre, sarà importante capire come si sia arrivati a una situazione di crisi di solvibilità dell’Azienda quando solo a marzo, in occasione della presentazione della trimestrale 2018, i vertici avevano messo nero su bianco che Astaldi prevedeva di concludere l’esercizio in continuità e che avrebbe realizzato un aumento di capitale da 300 milioni per mettere in piena sicurezza il bilancio rifinanziando rifinanziando al contempo i bond high yield in scadenza nel 2020”. I bond – come noto – sono crollati a quota 25 perdendo i tre quarti del valore nominale e, trattandosi di titoli con taglio minimo negoziabile di 100.000 euro, è facile immaginare le dimensioni delle perdite di capitale subite dagli investitori non istituzionali.

Astaldi studia lo spezzatino

Nel frattempo, stando alle ultime indiscrezioni, gli advisors di Astaldi starebbero lavorando a una soluzione (peraltro già nota da tempo) per scindere il contractor romano in due, mettendo da un lato le parti sane che includono gli ordini acquisiti o in esecuzione e dall’altro le concessioni con i debiti. La prima società sarebbe quindi oggetto di integrazione con Salini Impregilo che non ha nascosto di essere interessata al succoso business di Astaldi, mentre la seconda dovrebbe andare a soddisfare i creditori e verrebbe poi messa in liquidazione. In questo ambito rientrerebbe – secondo gli analisti – anche la vendita della concezione del Terzo Ponte sul Bosforo in Turchia che vale almeno 200 milioni di euro.

Assemblea degli obbligazionisti Astaldi

Anche di questo si discuterà a Roma in occasione della prima Assemblea degli obbligazionisti convocata dal Comitato che prevede, all’ordine del giorno, la nomina del Consiglio Direttivo e l’adozione di un nuovo statuto. L’appuntamento è per il 15 dicembre alle ore 15:30 presso l’Hotel Smart in Piazza Indipendenza n. 13/B. L’occasione sarà anche quella di poter discutere del piano di ristrutturazione finanziaria che Astaldi deve presentare ai creditori entro il 13 dicembre, salvo proroga di cui si saprà solo all’ultimo momento. In ogni caso, i tempi tecnici stabiliti dalla legge per concludere il procedimento di ristrutturazione in fase di concordato preventivo in continuità sono 120 giorni che potrebbero salire a 180 in caso di proroga. Quindi fine marzo 2019.

Il rappresentante degli obbligazionisti ricorda, infine, che gli investitori possono partecipare o essere rappresentati liberamente all’assemblea previa registrazione e adesione al Comitato. Per farlo, basta inviare una mail a [email protected] o seguire le istruzioni dal sito web ufficiale www.bondholdersastaldi.it, anche per tenersi aggiornati e ricevere informazioni e notizie riguardanti la ristrutturazione delle obbligazioni Astaldi

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Obbligazioni Astaldi