Asta Ctz: rendimento in picchiata, l’Ftse Mib passa in verde

Draghi non partecipa al simposio di Jackson Hole. L'intervento della Bce è sempre più vicino

di Enzo Lecci, pubblicato il
Draghi non partecipa al simposio di Jackson Hole. L'intervento della Bce è sempre più vicino

Come era nella previsioni l’asta di Ctz in agenda questa mattina è andata bene. Il Tesoro italiano ha infatto collocato oggi Certificati di credito “zero coupon” CTz scadenza 2014 per complessivi 3 miliardi di euro, nella parte alta della forchetta 2-3 miliardi. A catturare l’attenzione è soprattutto il forte calo del rendimento del Ctz che è sceso dal 4,86% di fine luglio (record dal mese di novembre 2011) al 3,064%. Nel complesso il Tesoro ha informato che le richieste hanno superato il quantitativo offerto di 1,952 volte, mettendo in evidenza una domanda più elevata rispetto al bid-to-cover di 1,777 di un mese fa.

Nell’asta di oggi, la prima di una 3 giorni molto complessa che si chiuderà il prossimo giovedì, il Tesoro italiano ha anche collocato Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all’inflazione dell’Area Euro con scadenza 2016 (2,1%) e 2019 (2,35%) per 750 mln di euro, nella parte alta della forchetta 0,5-0,75 mld. Scendendo nel dettaglio sono stati collocati Btpei scadenza 2016 per 455 mln di euro al rendimento medio del 3,69% e Btpei 2019 per 295 mln di euro al rendimento medio del 4,39%.

 

Andamento Borsa Milano: l’Ftse Mib passa in positivo

Piazza Affari ha reagito positivamente all’esito dell’asta di Ctz. L’Ftse Mib infatti, in calo fino alle 11 e 20, ha subito accelerato portandosi a +0,24% con Mps che è passata in verde in scia al clima di attesa per la pubblicazione dei risultati semestrali (Monte dei Paschi: il futuro resta difficile secondo Profumo). Anche sul fronte dei titoli di stato il leggero allargamento dello spread Btp Bund che si è registrato nella prima parte della mattinata è subito rientrato. In questo momento il differenziale tra il Btp decennale e il bund decennale è in area 437 punti base, perfettamente in linea con l’andamento emerso ieri e ieri l’altro. 

 

Draghi non andrà al simposio di Jackson Hole

Il calo della tensione sui mercati è da mettere in relazione anche con l’annuncio che Mario Draghi, non parteciperà al simposio di Jackson Hole negli Stati Uniti, dove saranno riuniti i banchieri centrali. La comunicazione ha di fatto rilanciato l’impressione di chi ritiene che l’assenza di Draghi sia da mettere in relazione a un intervento della Bce per calmierare l’andamento degli spread di Italia e Spagna.

 

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Titoli di Stato Italiani, Ctz

I commenti sono chiusi.