Asta CTZ: rendimenti in rialzo, ma di poco

Il tasso d’interesse a 2 anni torna ai livelli di maggio (0,69%). Collocati anche Btpei 2024 e 2026 per 1 miliardo di euro

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Il tasso d’interesse a 2 anni torna ai livelli di maggio (0,69%). Collocati anche Btpei 2024 e 2026 per 1 miliardo di euro

Obbligazionario italiano poco mosso in una seduta che ha visto prendere il via la tornata d’aste di fine mese con il collocamento di tutto l’importo offerto per Ctz e Btp indicizzati all’inflazione. Anche oggi, come ieri – riporta la Reuters – il movimento più rilevante da segnalare è l’andamento divergente tra i titoli di riferimento spagnoli e italiani, con lo spread tra i benchmark di Roma e Madrid che scambia a 44 punti base, al massimo da circa febbraio 2012. “E’ questo il termometro della debolezza dell’Italia che coinvolge anche Portogallo e Grecia. Emerge chiaramente che il giudizio sugli stress test da parte degli investitori stranieri è negativo per l’Italia e positivo per la Spagna”, sintetizza un operatore.   [fumettoforumright]Stamane – sottolinea la Reuters – hanno preso il via anche le aste di fine mese con il Tesoro che in tarda mattinata ha collocato 2,5 miliardi di euro di Ctz con scadenza agosto 2016, con il rendimento salito – ai massimi da fine maggio – allo 0,692% dallo 0,385% di settembre. Il rendimento al netto della commissione è stato dello 0,776%. Il bid-to-cover è sceso a 1,71 da 1,73 del precedente collocamento. Via XX settembre inoltre ha collocato l’intero importo offerto per i Btpei 15/9/2024 e 15/9/2026 pari a un miliardo. “In generale possiamo dire che l’asta è andata bene. Il recente ‘sell-off’ sul due anni ha reso questa parte della curva più attraente”, spiega Alessandro Giansanti, strategist di Ing.   In tarda mattinata, il premio di rendimento del decennale settembre 2024 rispetto all’equivalente Bund tocca su piattaforma Tradeweb scambia a 166 punti base, dai 170 pb dell’apertura e non lontano dai livelli della chiusura di ieri, quando ha toccato una punta intraday a 172,4, record da martedì della scorsa settimana. Parallelamente, il tasso del decennale italiano scambia al 2,547% dal 2,572% dei primi scambi e dal 2,555% della chiusura di ieri.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Obbligazioni zero coupon, Titoli di Stato Italiani, Ctz

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.