Asta Bot a 12 mesi: il rendimento scende ancora (-0,14%)

Minimo storico per i Bot a 12 mesi (IT0005186397) collocati in asta dal Tesoro. Buona la domanda da parte di banche e fondi d’investimento, gli unici che sottoscrivono

di Mirco Galbusera, pubblicato il
Minimo storico per i Bot a 12 mesi  (IT0005186397) collocati in asta dal Tesoro. Buona la domanda da parte di banche e fondi d’investimento, gli unici che sottoscrivono

Nuovo record al rialzo per i prezzi dei Bot a 12 mesi offerti in asta dal Tesoro. Il rendimento dei Bot a 1 anno si conferma così negativo, a – 0,14% in scia all’incremento dell’avversione al rischio sui mercati e ai timori che l’economia italiana non riesca a crescere a ritmi sostenibili per il debito pubblico. In altre parole, significa che bisogna pagare per prestare soldi allo Stato. Il Mef ha collocato oggi 6,5 miliardi di euro di Bot a 12 mesi al -0,14% (Codice ISIN IT0005186397). Il prezzo è stato fissato a 100,142 per un rendimento che è risultato in calo rispetto all’asta dello scorso mese di aprile (-0,081%). Buona la domanda degli investitori per il Bot scadenza 15 aprile 2017 con un bid to cover pari a 1,72. Nonostante il sensibile calo dei rendimenti – osservano gli operatori – il Tesoro e’ riuscito a collocare tutti i 6,5 miliardi di titoli zero coupon senza problemi, data la richiesta importante da parte degli investitori istituzionali. Per banche e fondi d’investimento, i Bot rappresentano, infatti, un valido strumento di parcheggio della liquidità a fronte di interessi negativi al 0,40% offerti dalla Bce per tenere i fondi fermi nelle casse della Banca Centrale Europea. Motivo per il quale a sottoscrivere questi strumenti finanziari di breve durata sono quasi solo i professionisti e le banche. Sul secondario,invece,  il rendimento dei titoli di stato italiani è salito. Sono infatti tornate ad emergere pressioni sulla carta periferica, in particolare sul tratto extra-lungo, appesantito dalla consistente offerta dell’ultimo periodo e dal prossimo arrivo di nuova carta su tale segmento. Il tasso del Btp decennale è salito sopra quota 1,50%, mentre lo spread con l’analoga scadenza del Bund si attesta a 143 punti base.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Nuove emissioni, collocamenti, Bot