Argentina, a sorpresa Banca Centrale alza tassi al 30,25%

La decisione è stata presa durante un meeting non programmato, per ostacolare l'indebolimento del peso e moderare l'inflazione

di Mirco Galbusera, pubblicato il
La decisione è stata presa durante un meeting non programmato, per ostacolare l'indebolimento del peso e moderare l'inflazione

Con una mossa a sorpresa, la Banca Centrale Argentina ha aumentato il tasso d’interesse di riferimento dal 27,25% al 30,25%. La decisione è stata presa durante un meeting non programmato, per ostacolare l’indebolimento del peso e moderare l’inflazione, definita “ancora tenacemente alta”. Capital Economics indica come la mossa della banca centrale latinoamericana sia stata necessaria dopo che il peso ha perso il 2% nei confronti del dollaro in due giorni, nonostante l’intervento sui mercati valutari. Il tasso d’inflazione annuo in Argentina resta di circa il 25%, e gli analisti ipotizzano come “nuovi rialzi dei tassi saranno necessari nei prossimi mesi, dato che la vulnerabilità macroeconomica dovrebbe far riprendere il trend al ribasso della valuta tra non molto“.

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: Bond Argentina

I commenti sono chiusi.