Arabia Saudita: bond per 20 miliardi di dollari in arrivo

L’Arabia Saudita sta per inondare il mercato con obbligazioni sovrane per compensare le perdite derivanti dal crollo del petrolio

Mirco Galbusera

L’Arabia Saudita sta pianificando di vendere, per la prima volta, bond agli investitori internazionali per contrastare l’aumento del disavanzo di bilancio del Paese, a sua volta provocato da piu’ bassi prezzi del petrolio. Lo ha affermato il ministro delle Finanze di Riyad, Ibrahim Al-Assaf, sottolineando che il Regno “sta lavorando sulle emissioni di obbligazioni internazionali”. In effetti, l’Arabia Saudita, cosi’ come altri Paesi del Golfo Persico esportatori di greggio, intendono accedere ai mercati di capitale per slegare le loro finanze dagli introiti garantiti dall’export di oro nero. Tuttavia, ha precisato il ministro delle Finanze del Regno, i funzionari sauditi non hanno ancora deciso l’ammontare dei bond da collocare. Tutto dipendera’ dalle necessità del Governo.

Il debutto di Riyad sul mercato obbligazionario internazionale e’ certamente molto atteso soprattutto vista la forte domanda riscontrata a seguito delle emissioni di debito del Qatar, realizzate lo scorso mese in diverse tranche per un totale di 9 miliardi usd. A tal proposito, alcuni banchieri speculano sulla possibilità che il Regno collochi piu’ di 20 miliardi usd in obbligazioni. Il problema principale resta l’aumento del disavanzo pubblico. Il netto calo dei prezzi del petrolio sin dalla metà del 2014 ha avuto delle ripercussioni sulle finanze del Regno Saudita tanto che, nel 2015, il deficit di bilancio si e’ attestato su livelli da record attorno a 98 miliardi usd. Dal canto suo, il Governo di Riyad ha tentato di arginare questo incremento emettendo obbligazioni nazionali, tagliando la spesa e riducendo alcune sovvenzioni statali. “Abbiamo collocato piu’ di 100 miliardi di riyal (circa 26,66 miliardi usd) in bond locali e molti altri ancora verranno emessi”, ma senza creare problemi al settore privato, ha puntualizzato Al-Assaf.




Commenta la notizia





SULLO STESSO TEMA
DAL RESTO DEL SITO

Send this to friend