Alitalia: spunta l’idea di un bond convertibile con garanzia pubblica

Allo studio emissione di bond convertibili in azioni Alitalia per finanziare la compagnia di bandiera durante il commissariamento

di , pubblicato il
Allo studio emissione di bond convertibili in azioni Alitalia per finanziare la compagnia di bandiera durante il commissariamento

Per Alitalia si profila l’ipotesi un bond convertibile. Come anticipato da InvestireOggi.it, l’idea di emettere obbligazioni con garanzia statale sta prendendo sempre più piede per fornire alla compagnia la liquidità necessaria alla sua sopravvivenza durante il periodo di amministrazione straordinaria (minimo sei mesi) in cui presto entrerà.

 

Alitalia in passato aveva già in passato emesso bond convertibili con cedola 7,5% e scadenza 2010, poi finito in disgrazia fra le mille difficoltà finanziarie della compagnia aerea. Ora, si torna a cavalcare la stessa onda, a distanza di anni, come se i risparmiatori avessero dimenticato tutto. Ma tant’è, non pare vi siano alternative giacchè le banche sono riluttanti a fornire liquidità ad Alitalia e lo Stato non può più intervenire con una nazionalizzazione.

 

Un bond convertibile per Alitalia

 

Per Alitalia si potrebbe pensare a “un’emissione di un’obbligazione convertibile da parte del Tesoro. Se il prestito non viene rimborsato diventa capitale, magari vendendo alcune quote ma mantenendo saldamente il potere di indirizzo. L’abbiamo già visto con Banca Mps“. Lo ha detto al Corriere della Sera l’ex commissario di Alitalia, Augusto Fantozzi, spiegando che anche la Commissione Ue potrebbe dare il via libera a dei “Gentiloni-bond”. “Credo di sì, con adeguate garanzie – ha aggiunto Fantozzi – Le regole europee oramai sono interpretate politicamente e salvare strutture e posti di lavoro conta“. “Mi pare che sia giusta la visione” di Matteo Renzi, ha proseguito l’ex commissario. “Renzi si pone il problema di andare in Europa a gomiti allargati, del farsi rispettare. Alitalia permette una riflessione di politica industriale che arrivi a questo. Grazie all’efficienza, senza carrozzoni“, ha concluso Fantozzi.

Argomenti: ,