'Acquisti sui bond dell’eurozona, nuove pressioni FMI sul caso greco-

Acquisti sui bond dell’eurozona, nuove pressioni FMI sul caso greco

Il Btp rende il 2,25%, mentre lo spread stazione sotto quota 200. Il Fmi insiste a voler tagliare il debito greco

di , pubblicato il
Il Btp rende il 2,25%, mentre lo spread stazione sotto quota 200. Il Fmi insiste a voler tagliare il debito greco

Avvio in territorio positivo per i titoli di Stato europei sui quali prevalgono gli acquisti durante i primi scambi. I rendimenti di conseguenza flettono e quello del Btp decennale italiano segna un calo di 3 punti base al 2,25% mentre lo yield del Bund tedesco cede 2 punti base e si porta allo 0,27 per cento. Lo spread Btp/Bund si pone dunque a 199 punti base. Flettono anche gli yield dell’Oat francese (-2 pb a 0,7%) e del Bono spagnolo (-3 pb all’1,56%).
Il Fondo Monetario Internazionale ha avanzato delle nuove proposte sul caso della Grecia che, come noto, divide l’istituzione guidata da Christine Lagarde dal resto della troika. L’FMI da tempo sostiene infatti che la Grecia abbia un debito insostenibile che dovrebbe essere almeno in parte tagliato, mentre Bce e Commissione Europea, sotto le pressioni della Germania e di altri “falchi”, sono contrari a un debt relief. Il dibattito sul tema è stato di recente formalmente aperto dall’Eurogruppo, ma per procedere con un sostanziale rinvio all’anno prossimo. La scadenza più prossima è però in realtà quella del 15 giugno, quando i creditori dovrebbero dare il via libera alla tranche di aiuti che servirà ad Atene per ripagare scadenze finanziarie da circa 7 miliardi di euro in scadenza al prossimo luglio. In vista di quella data, in pratica, l’FMI chiede nuove garanzie sulle misure di alleggerimento del debito ellenico.

 

Per ottenere questi nuovi finanziamenti previsti dal piano da 86 miliardi di euro in corso la Grecia ha varato pesanti nuove misure di austerità di recente. Un segnale positivo dall’economia greca è giunto pochi giorni fa con la revisione al rialzo delle stime sulla crescita del Pil greco allo 0,4% trimestre su trimestre, contro il -0,1% della lettura preliminare e il -0,4% congiunturale del quarto trimestre del 2016.

 

Argomenti: