Acea lancerà nuovo bond per rimborsare obbligazioni in scadenza

Il Consiglio di Amministrazione della utility romana ha autorizzato l’emissione di titoli fino a 750 milioni di euro. Si punta a sfruttare il buon momento di mercato e gli eccellenti risultati conseguiti nel primo semestre

di , pubblicato il
Il Consiglio di Amministrazione della utility romana ha autorizzato l’emissione di titoli fino a 750 milioni di euro. Si punta a sfruttare il buon momento di mercato e gli eccellenti risultati conseguiti nel primo semestre

Acea è pronta a tornare sul mercato obbligazionario. Il consiglio di amministrazione di Acea ha infatti autorizzato l’emissione di un prestito obbligazionario per un ammontare fino a 750 milioni di euro entro il giugno del prossimo anno. Lo dice una nota della società facendo riferimento ai verbali del Cda dello scorso 31 luglio, quando era stata ipotizzata per l’operazione una durata massima di sette anni e mezzo, in euro e a tasso fisso. Nel verbale si legge che l’opportunità di tale emissione – uno “stand alone”, come lo sono stati i bond precedenti di Acea non avendo la società un Emtn Programme – è da mettere in relazione al venire a scadenza “nei prossimi semestri sia di componenti di credito a medio/lungo terme (bancarie e bond) sia linee di credito impegnate e non utilizzate per coprire il rischio liquidità a medio termine”. Inoltre – si legge – l’emissione è da considerare “come parte del piano di rafforzamento della posizione e struttura finanziaria”. Acea ha sul mercato tre bond. Benché la multi utility romana abbia tempo fino a giugno del 2014 per lanciare il nuovo bond, rumors di borsa riferiscono che l’emissione potrebbe avvenire già entro quest’anno, fintanto che le condizioni di mercato e i tassi d’interesse si mantengono bassi, anche perché vi è un bond da 300 milioni in scadenza fra meno di un anno e dovrà essere rifinanziato nel miglior modo possibile.

 

Nuovo bond Acea da 750 milioni in arrivo entro l’anno

 

D_Combo2_81c3ae19-24e9-4333-a52e-2c163df63638

Nel luglio 2004 e nel marzo 2010 Acea aveva emesso due obbligazioni in euro decennali, per il rispettivo ammontare di 300 e 500 milioni di euro, oltre a un bond per 20 miliardi di yen con scadenza 2025. Il primo dei due in euro, con cedola 4,875%, scade nel luglio del prossimo anno e quota oggi 102,65 per un rendimento dell’1,91% (Isin XS0196712086). E’ quindi probabile che la utility romana si stia affrettando per spuntare il miglior tasso possibile sfruttando il momento favorevole dei tassi e della sua performance azionaria a Piazza Affari (+40% da inizio anno) sulle ali dell’entusiasmo ricevuto dagli investitori per i due positivi trimestri appena conclusi. E’ quindi auspicabile – secondo gli analisti – che il management punti a rifinanziarsi emettendo un altro bond decennale con uno spread sul Btp di riferimento di 200-250 punti base, sfruttando il buon rating di cui Acea gode (‘Baa2’, ‘BBB-‘, e ‘BBB+’ rispettivamente da Moody’s, S&P’s e Fitch). Alcune banche, come Banca IMI, Mediobanca e Unciredit sembra siano già state contattate, anche se un mandato vero e proprio per sondare il terreno non è ancora stato formalizzato. Parte del funding potrebbe essere usata per rimborsare anticipatamente una parte del bond Acea 4,50% scadenza 2020 (Isin XS0495012428) che rende il 4,10% e scambia intorno a 102, come avvenuto recentemente anche per la utility lombarda A2A. Il titolo è callable, negoziabile sulla Borsa di Francoforte, la Borsa di Lussemburgo e sul mercato Hi-Mtf e EuroTLX per tagli minimi da 50.000 euro nominali con incrementi di 1.000.

 

Semestrale Acea: conseguiti eccellenti risultati

 

7972

Nonostante la difficile situazione macroeconomica che ha determinato un importante rallentamento dell’economia globale, Acea, grazie al contributo di tutte e quattro le aree di business, chiude il primo semestre del 2012 con tutti gli indicatori economici in crescita, confermando il trend positivo del primo trimestre ed evidenziando risultati in linea con gli obiettivi del Piano Industriale 2012-2016. I ricavi consolidati sono ammontati a 1,69 miliardi di euro (+5,2%), mentre l’Ebitda è salito a oltre 320 milioni (+11%) e l’utile netto addirittura a 34,1 (+158%). I risultati positivi del primo semestre 2012 confermano la solidità della nostra Società, che cresce anche in uno scenario economico e finanziario estremamente sfavorevole”. Questo il commento di Marco Staderini, amministratore delegato di Acea sul primo semestre 2012 che, grazie al contributo di tutte e quattro le aree di business, chiude con tutti gli indicatori economici in crescita confermando il trend positivo del primo trimestre ed evidenziando risultati in linea con gli obiettivi del piano industriale 2012-2016. “La validità della nostra strategia – ha evidenziato Staderini -, associata a un costante miglioramento dell’efficienza operativa, è alla base degli eccellenti risultati conseguiti. Abbiamo la capacità finanziaria per continuare a investire per la crescita, cogliendo le opportunità che potrebbero presentarsi.”

Condividi su
flipboard icon
Seguici su
flipboard icon
Argomenti: , ,