'Regioni che rischiano la zona gialla e la zona arancione dopo Capodanno

Zona gialla e arancione: ecco le regioni che rischiano di cambiare colore da dopo Capodanno

Variante Omicron: contagi quasi a quota 100 mila in un giorno, ecco quali regioni rischiano di finire in zona gialla e arancione dopo Capodanno.

di , pubblicato il
Zona gialla zona-arancione

Siamo arrivati quasi a 100 mila in un giorno a causa della variante Omicron con conseguente pressione sugli ospedali. Numerose regioni, quindi, potrebbero cambiare colore da dopo Capodanno e passare chi in zona gialla e chi in zona arancione.

Regioni che rischiano la zona gialla e la zona arancione dopo Capodanno

I dati Covid di ieri ci parlano di un record di contagi per il secondo giorno consecutivo con numeri mai visti. In Lombardia si registrano oltre 32 mila e il numero è alto anche in Campania, Lazio, Piemonte, Emilia, Sardegna e Veneto. Gli attuali positivi sono oltre 600 mila mentre il tasso di positività è al 9,5%. Le vittime invece sono 148 per un totale di 137.091 dal mese di febbraio scorso.
I contagi continuano a salire in tutta Italia ma la situazione varia da Regione a Regione. Numerose aeree del paese potrebbero quindi passare in zona gialla o arancione subito dopo Capodanno e a inizio 2022. Come si sa i colori cambiano in base all’incidenza e ai ricoveri in area medica e in terapia intensiva per cui la settimana prossima potrebbero esserci grosse novità.

Ecco quali regioni rischiano il cambio di colore in zona gialla e arancione

La maggiore parte delle regioni italiane si trovano in zona bianca ma molte vanno verso la fascia gialla. Si va verso quest’ultima con 50 casi settimanali ogni 100 mila abitanti e quando l’occupazione dei posti letto in terapia intensiva è uguale al 10% e in area medica al 15%.

Invece in zona arancione si va quando si hanno tra i 150 ed i 250 casi ogni 100 mila abitanti e l’occupazione delle terapie intensive va oltre il 20% ed in area medica più del 30%. Alla zona gialla si avvicina da lunedì prossimo ovvero dal 3 gennaio il Lazio. Secondo i dati del 26 dicembre di Agenas raggiunge il 14% di occupazione posti letto in terapia intensiva e il 15% in aerea non critica. Inoltre la Lombardia con il 12% di occupazione posti letto TI e 14% area medica. Al limite c’è anche il Piemonte che potrebbe passare anch’esso dal 3 gennaio in zona gialla.

Zona arancione

Pericolosamente si avvicinano alla zona arancione, invece, la provincia di Trento che potrebbe cambiare colore già a Capodanno. Secondo gli ultimi dati, infatti, i posti letto in terapia intensiva sono occupati al 21% mentre l’area medica al 17%. Anche Bolzano rischia per le terapie intensive occupate al 19% e l’area medica al 14%. La percentuale è calata ma è sempre più alta della media nazionale. Rischia di passare in zona arancione anche la Calabria con il 16% di occupazione delle intensive ed il 26% delle aree mediche così come il Veneto con il 16% ed il 18%. Le Marche sono invece al 14% di occupazione posti letto in terapia intensiva e al 19% in area medica mentre la Liguria è al 18% e al 26%.
Leggi anche: Nuovo decreto: Super Green Pass mezzi pubblici, quarantena azzerata e lockdown light non vaccinati
[email protected]

Argomenti: Nessuno