Zona arancione e zona rossa, che cosa cambia con il Green Pass obbligatorio, ci saranno le chiusure?

Zona arancione, rossa e Green Pass, si possono evitare le chiusure.

di , pubblicato il
Zona arancione

Con l’arrivo dell’autunno torna lo spauracchio del lockdown e delle zone rosse e arancioni, se i contagi torneranno a salire nelle prossime settimane. Attualmente, solo la Sicilia si trova in zona gialla e forse anche la Calabria lo sarà dalla prossima settimana, ma nessuna rischia invece la zona arancione, che rimane ancora molto lontana.

Zona arancione, rossa e Green Pass, si possono evitare le chiusure

Che cosa potrebbe quindi cambiare con il Green Pass obbligatorio in merito alle zone rosse e arancioni? Attualmente, non c’è il rischio di zone critiche, non sappiamo come si evolveranno le cose nelle prossime settimane, considerando che con l’inizio della scuola, già alcune classi sono finite in dad a causa dei primi contagi. Rispetto allo scorso anno, quando con la zona arancione e rossa scattavano le chiusure, con la campagna vaccinale e il Green Pass che è praticamente obbligatorio per entrare in quasi tutti i luoghi chiusi, e molto presto anche nei luoghi di lavoro, si potranno evitare le restrizioni.

A dirlo è stato Massimiliano Fedriga, presidente della regione Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni ospite di Stasera Italia su Rete4: “Il Green Pass è uno strumento di apertura: ora abbiamo strumenti nuovi e col Green Pass anche se ci saranno regioni in arancione o rosso le attività possono rimanere aperte. Diamo così certezza che non c’è rischio di chiudere di nuovo”.

E ancora: “C’è un documento siglato dai nostri governatori con Salvini: è l’indirizzo che lo stesso segretario ha dato al partito. Non si può però pensare di tramutare il Paese in un’arena. Penso che facciamo un danno al Paese se pensiamo che chi non vuole il Green Pass è un nazista. Non possiamo fare una lotta tra bande. La politica non può creare una lotta fratricida nella nostra popolazione. Dobbiamo zittire le fake news sul vaccino che sono indecenti”.

Dove serve il Green Pass

In sostanza, con il Green Pass si chiede che anche in caso di nuove zone arancioni o rosse, nessuna attività chiuderà, un fatto che diventerebbe insostenibile per le imprese. Attualmente il Green Pass è obbligatorio per entrare nei ristoranti, bar, locali, gelaterie, pasticceria al chiuso e con servizio al tavolo, ma anche per cinema, musei, luoghi culturali, palestre, centri sportivi, piscine, sale giochi, teatri, eventi, congressi, fiere. Dal 1 settembre è necessario anche per salire su treni a lunga percorrenza, aerei, bus e navi. E da ottobre diventerà necessario anche per andare a lavoro. Di fatto, quindi, anche se nelle prossime settimane ci saranno nuove zone arancioni, si dovrebbero scongiurare le chiusure tanto temute.

Vedi anche: Zona arancione e chiusura bar e ristoranti: come potrebbero cambiare le regole dall’autunno 2021

Argomenti: ,