'Zona arancione dopo Natale e 30mila casi al giorno: le ultime previsioni

Zona arancione dopo Natale e 30mila casi al giorno: le ultime previsioni dei virologi

Zona arancione dopo Natale e 30mila casi al giorno, si va verso il picco.

di , pubblicato il
Zona arancione

Gli esperti ormai sono convinti che entro Natale si arriverà a 30mila contagi al giorno. In base ai calcoli matematici sembra ormai chiaro che i numeri saliranno determinando il famoso picco di contagi. Intanto, dalla prossima settimana, altre regioni potrebbero passare in zona gialla e c’è anche il rischio della zona arancione.

Zona arancione dopo Natale e 30mila casi al giorno, si va verso il picco

A parlare della possibilità di arrivare a 30mila contagi al giorno entro Natale è stato il virologo Fabrizio Pregliasco, ospite ad “Agora‘” su Rai 3 come riporta Open:

“I calcoli matematici ci dicono che arriveremo a 30 mila contagi al giorno. Con una proiezione fino a 200/250 decessi. Restiamo in una fase di crescita in cui ogni contatto interumano presenta una piccola percentuale di rischio. Bisogna insistere sulla campagna vaccinale, ma certo non possiamo pensare di costringere le persone”

Considerando che negli ultimi giorni i casi giornalieri sono saliti fino a 21mila, non è difficile immaginare che entro Natale i numeri saranno più drammatici.

Le regioni che rischiano la zona gialla tra una settimana

Intanto, da oggi la Calabria è passata in zona gialla e ha raggiunto il Friuli Venezia Giulia e l’Alto Adige. Dal 20 dicembre, però, anche altre regioni dovrebbero passare in zona gialla. Si parla della Liguria, che ha superato i parametri, così come del Trentino, Veneto, Lazio, Marche e Lombardia, che ugualmente rischiano tra sette giorni o subito dopo. Solo con il prossimo monitoraggio dell’ISS in arrivo entro venerdì sapremo se effettivamente queste regioni cambieranno colore dal 20 dicembre o dal 27 dicembre, subito dopo Natale. Luca Zaia, governatore del Veneto, ha già dichiarato che la regione passerà in giallo dal 20 dicembre.

Per quanto riguarda l’incidenza, molte regioni si trovano ampiamente nella fascia che determina la zona arancione. Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Trentino e Alto Adige, Piemonte, Valle d’Aosta e Veneto. Tutte quante hanno numeri da zona arancione e rossa ma grazie all’occupazione dei posti letto rischiano solo la zona gialla.

Fino a Capodanno, difficilmente si passerà in zona arancione ma continuando di questo passo gennaio potrebbe essere decisivo per un cambio colore più drastico. In zona arancione, infatti, chi ha il Super Green Pass non vedrà nessun cambiamento, mentre per i non vaccinati scatterebbero le restrizioni relative alle chiusure delle attività e spostamenti dal proprio Comune.

Vedi anche: Variante Omicron e quarta ondata: nuove misure del Governo se Rt peggiora, ecco le possibili restrizioni

Argomenti: ,