Viaggiare con cani o gatti: consigli per partire in vacanza con i nostri amici a 4 zampe

Consigli per partire in vacanza con il proprio cane o il proprio gatto.

di , pubblicato il
Consigli per partire in vacanza con il proprio cane o il proprio gatto.

Gli italiani sono in partenza verso le tanto attese ferie estive. In queste settimane sono molti gli italiani in viaggio e per una quota sostanziosa c’è anche il dubbio dell’animale domestico: lasciarlo a casa alle cure di amici fidati o parenti o portarlo con sé? Quando si va in vacanza e si hanno gatti o cani, non tutti possono portarli in viaggio. Ovviamente se non si ha la fortuna di trovare qualcuno che badi al proprio amico a 4 zampe è fattibilissimo portare il cane o il gatto in vacanza, soprattutto se si va in auto. Ecco allora dei consigli pratici per partire con fido o micio. 

Consigli per un vacanza a 4 zampe

Invece di lasciare il proprio pet in qualche pensione è meglio portarlo con sè. Per farlo ovviamente è necessario seguire qualche accorgimento. 

I documenti prima di tutto. Quando si viaggia con il proprio animale è necessario munirsi di passaporto per Animali Domestici e il microchip. Quest’ultimo sarà molto utile qualora il cane si perda.

Prima di partire è buona norma portare il gatto e il cane a fare una visita dal veterinario per constatare la buona salute dell’animale. Una volta fatta la visita, è bene ricordare che l’animale deve bere prima di mettersi in viaggio mentre sarebbe buona norma evitare di farlo mangiare due ore prima.

Sia il cane che il gatto non possono viaggiare sciolti in auto. Il gatto va messo nel trasportino, ricordandosi di fermarsi ogni tanto per farlo uscire e bere, mentre il cane va tenuto al sicuro  con imbragatura per i sedili posteriori e rete divisoria per il bagagliaio.

Non dimenticare il trasportino

Tra le cose da non dimenticare ci sono il trasportino, una rete divisoria, imbracatura, cibo, una coperta, giocattoli per il cane.

Durante il viaggio è bene fermarsi ogni due ore per far prendere aria all’animale e farlo bere, ovviamente è necessario anche controllare che il pet stia bene, arieggiando l’auto. Una volta giunti a destinazione, si potrà far mangiare l’animale e aiutarlo ad ambientarsi con giochini e premi.

Leggi anche: Gli animali più grandi che (forse) non ci sono più, classifica dei giganti estinti

 

Argomenti: ,